diredonna network
logo
Stai leggendo: Aids: supera i primi test sull’uomo il vaccino italiano

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Aids: supera i primi test sull'uomo il vaccino italiano

Ottime notizie: il primo vaccino italiano contro l'Aids super i test sull'uomo.
(foto:Web)

Buone notizie.
Il primo vaccino italiano contro l’Aids è riuscito a superare anche i primi test clinici provati sull’uomo.
La ricerca del prof. Arnaldo Caruso, dell’Università di Brescia, porta speranza.
Il vaccino AT20 non produce effetti collaterali ed è in grado di stimolare la formazione di anticorpi che posso neutralizzare la tossicità della proteina p17 del virus HVI.
L’esperimento è riuscito sul 100% delle persone vaccinate nei centri clinici a Brescia, Torino, Milano e Perugia.
Il vaccino è stato somministrato cinque volte nell’arco di cinque mesi a volontari sieropositivi e questi sorprendenti esiti sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Vaccine”. Gli studi sono durati anni, con un equipe di ricerca internazionale guidata dal prof. Caruso.

La p17 è quindi la molecola chiave per lo sviluppo di importanti malattie HIV.
Una prima fase di sperimentazione dunque conclusa con successo, ma si continua a studiare per sviluppare, in maniera definitiva, il vaccino AT20.