diredonna network
logo
Stai leggendo: Aids: supera i primi test sull’uomo il vaccino italiano

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Aids: supera i primi test sull'uomo il vaccino italiano

Ottime notizie: il primo vaccino italiano contro l'Aids super i test sull'uomo.
(foto:Web)

Buone notizie.
Il primo vaccino italiano contro l’Aids è riuscito a superare anche i primi test clinici provati sull’uomo.
La ricerca del prof. Arnaldo Caruso, dell’Università di Brescia, porta speranza.
Il vaccino AT20 non produce effetti collaterali ed è in grado di stimolare la formazione di anticorpi che posso neutralizzare la tossicità della proteina p17 del virus HVI.
L’esperimento è riuscito sul 100% delle persone vaccinate nei centri clinici a Brescia, Torino, Milano e Perugia.
Il vaccino è stato somministrato cinque volte nell’arco di cinque mesi a volontari sieropositivi e questi sorprendenti esiti sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Vaccine”. Gli studi sono durati anni, con un equipe di ricerca internazionale guidata dal prof. Caruso.

La p17 è quindi la molecola chiave per lo sviluppo di importanti malattie HIV.
Una prima fase di sperimentazione dunque conclusa con successo, ma si continua a studiare per sviluppare, in maniera definitiva, il vaccino AT20.