diredonna network
logo
Stai leggendo: Aids: supera i primi test sull’uomo il vaccino italiano

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Aids: supera i primi test sull'uomo il vaccino italiano

Ottime notizie: il primo vaccino italiano contro l'Aids super i test sull'uomo.
(foto:Web)
(foto:Web)

Buone notizie.
Il primo vaccino italiano contro l’Aids è riuscito a superare anche i primi test clinici provati sull’uomo.
La ricerca del prof. Arnaldo Caruso, dell’Università di Brescia, porta speranza.
Il vaccino AT20 non produce effetti collaterali ed è in grado di stimolare la formazione di anticorpi che posso neutralizzare la tossicità della proteina p17 del virus HVI.
L’esperimento è riuscito sul 100% delle persone vaccinate nei centri clinici a Brescia, Torino, Milano e Perugia.
Il vaccino è stato somministrato cinque volte nell’arco di cinque mesi a volontari sieropositivi e questi sorprendenti esiti sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Vaccine”. Gli studi sono durati anni, con un equipe di ricerca internazionale guidata dal prof. Caruso.

La p17 è quindi la molecola chiave per lo sviluppo di importanti malattie HIV.
Una prima fase di sperimentazione dunque conclusa con successo, ma si continua a studiare per sviluppare, in maniera definitiva, il vaccino AT20.