diredonna network
logo
Stai leggendo: La cioccolata riduce il rischio di diabete

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Oroscopo dal 22 al 28 giugno - Come sopravvivere alle stelle

Eros e Marica hanno ben due anniversari di nozze e... doppia dedica social

20 anni di Friends: per festeggiare arriva la maratona 24 ore al giorno

Indossa queste borse e ti sembrerà di essere in un cartone animato

Quando ti rendi conto perché i ray-ban si chiamano ray-ban

L'altro Middleton: il fratello di Kate e Pippa fa il lavoro... più dolce del mondo!

La cioccolata riduce il rischio di diabete

Cioccolato, un aiuto per la salute che non ci aspettiamo.
(foto:Web)
(foto:Web)

Sempre di più il cioccolato viene considerato come un alimento importante per la salute.
Studiosi e amanti della cucina di tutto il mondo esaltano le proprietà di questa leccornia, per anni etichettata come cibo grasso e pericoloso per la linea.
La cioccolata in realtà aiuta anche a ridurre il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2, ovvero quello alimentare, perchè ricco di flavonoidi.

È il risultato di un lungo studio dei ricercatori della University of East Anglia medical school insieme a quelli del King’s college di Londra che hanno controllato le abitudini alimentari e monitorato l’insulino-resistenza e i livelli di glucosio nel sangue di oltre duemila donne.
Ad avere queste proprietà non solo il cioccolato ma anche i frutti di bosco, il tè, l’uva rossa, timo e sedano.
“Abbiamo scoperto che coloro che consumavano grandi quantità di cibi contenenti flavonoidi e antocianine avevano livelli di insulino resistenza molto più bassi rispetto a chi, invece, non li assumeva – spiega Aedin Cassidy a capo dell’indagine- Abbiamo anche scoperto che chi mangiava molte antocianine era anche meno esposta all’infiammazione cronica, stato che si associa a malattie croniche molto frequenti come diabete, obesità, patologie cardiovascolari e cancro”.