diredonna network
logo
Stai leggendo: La cioccolata riduce il rischio di diabete

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

La cioccolata riduce il rischio di diabete

Cioccolato, un aiuto per la salute che non ci aspettiamo.
(foto:Web)

Sempre di più il cioccolato viene considerato come un alimento importante per la salute.
Studiosi e amanti della cucina di tutto il mondo esaltano le proprietà di questa leccornia, per anni etichettata come cibo grasso e pericoloso per la linea.
La cioccolata in realtà aiuta anche a ridurre il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2, ovvero quello alimentare, perchè ricco di flavonoidi.

È il risultato di un lungo studio dei ricercatori della University of East Anglia medical school insieme a quelli del King’s college di Londra che hanno controllato le abitudini alimentari e monitorato l’insulino-resistenza e i livelli di glucosio nel sangue di oltre duemila donne.
Ad avere queste proprietà non solo il cioccolato ma anche i frutti di bosco, il tè, l’uva rossa, timo e sedano.
“Abbiamo scoperto che coloro che consumavano grandi quantità di cibi contenenti flavonoidi e antocianine avevano livelli di insulino resistenza molto più bassi rispetto a chi, invece, non li assumeva – spiega Aedin Cassidy a capo dell’indagine- Abbiamo anche scoperto che chi mangiava molte antocianine era anche meno esposta all’infiammazione cronica, stato che si associa a malattie croniche molto frequenti come diabete, obesità, patologie cardiovascolari e cancro”.