diredonna network
logo
Stai leggendo: Duecento ruoli in punta di piedi

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Duecento ruoli in punta di piedi

Carla Fracci racconta la sua storia: esce l’autobiografia Passo dopo passo.
Duecento ruoli in punta di piedi

Una vita passata sui maggiori palcoscenici del balletto, lavorando con i più noti danzatori del mondo.“A più di settant’anni non mi sento affatto stanca”, dice Carla Fracci che si racconta, finalmente, nel libro Passo dopo passo in cui descrive non solamente il suo percorso artistico, ma mette in luce soprattutto la parte più intima della sua vita, aprendosi totalmente nei confronti del pubblico. Dall’infanzia trascorsa nella campagna lombarda accanto ai genitori, all’ingresso alla scuola di ballo presso il Teatro alla Scala, fino ai successi con l’American Ballet Theatre e sui palcoscenici più importanti del mondo come Los Angeles, Mosca, Londra, L’Avana.

Una vita in punta di piedi, ma solo metaforicamente: più di duecento i ruoli, le interpretazioni, le storie portate in scena con varietà estrema e sentimento esasperato, perché “il balletto ha un linguaggio più penetrante di quello teatrale, forse è proprio l’assenza della parola a renderlo tale”. Etoile, moglie, mamma, musa di artisti e poeti come Eugenio Montale, che nel 1969 le dedicò la lirica La danzatrice stanca: Carla Fracci è una donna affermata che ancora oggi si batte per la difesa dell’arte in Italia e ammette di avere ancora un solo desiderio da realizzare:  che in Italia nasca una Compagnia Nazionale di balletto che possa girare il mondo per mostrare le nostre eccellenze nazionali e dare possibilità di lavoro ai giovani danzatori senza bisogno di espatriare.