diredonna network
logo
Stai leggendo: Spotify elimina i limiti di tempo e torna gratis

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

"Se non hai niente di bello da dire, allora stai zitto": quando un selfie diventa virale

Siate vere! È solo questione di prospettiva: parola di fitness blogger!

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Spotify elimina i limiti di tempo e torna gratis

Spotify: addio limiti di tempo, torna l'ascolto gratuito della musica in streaming.
(foto:Web)

Spotify, la piattaforma di streaming musicale più amata al mondo, ha eliminato i limiti di 10 ore mensili di ascolto.

“In passato abbiamo dovuto limitare il tuo ascolto ad alcune ore al mese alla fine del periodo di prova senza limiti di 6 mesi. Ma ora non avrai più limiti di tempo nella versione gratuita di Spotify. Abbiamo rimosso completamente le limitazioni su tutte le piattaforme; ora puoi ascoltare le tue canzoni preferite tutte le volte che vuoi, per tutto il tempo che vuoi”.
Una notizia che è piaciuta molto a tutti gli utenti del mondo.
Ridurre le ore di ascolto gratuito aveva portato inizialmente molti utenti a sottoscrivere un abbonamento Premium di circa 10 euro.
Da un mese l’ascolto gratuito è anche in versione mobile.
Nella versione gratuita per dispositivi mobili di Spotify, digitando il nome di un artista, l’applicazione ne mostrerà tutti i titoli e ne avvierà la riproduzione in ordine casuale, come in iTunes Radio.

Per questo cambio di rotta, come in ogni caso, è doveroso ringraziare la concorrenza: il 21 gennaio negli USA uscirà infatti un nuovo servizio in streaming, Beats Music.

Quando a godere è solo il consumatore.