diredonna network
logo
Stai leggendo: Buon Compleanno Happy Days!

Caso Leotta a Sanremo: se per parlare di cyberbullismo tocca mettere un "vestito adatto"

Grey's Anatomy e il cast decimato: pronti per un altro addio?

Isola dei Famosi 2017: falsa partenza, prima puntata rimandata ma polemiche già iniziate

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Trench: storia di un capo senza tempo!

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Buon Compleanno Happy Days!

40 anni fa veniva trasmessa la prima puntata di uno dei telefilm più amati di sempre.
(foto:Web)

Esattamente 40 anni fa, il 15 gennaio 1974, debuttò sul piccolo schermo, tramite l’emittente americano Abc, uno dei telefilm più belli di sempre: Happy Days.
Una serie retrò che si rifaceva agli anni felici della storia americana dopo la guerra.
In Italia la Rai la cominciò a trasmettere su Rai1 nella stagione ’77-’78 con successo enorme.
Tutti i ragazzini dell’epoca desideravano un giubbotto in pelle nera come Fonzie, il bullo della compagnia, che faceva il meccanico e si sentiva irresistibile: i metalmeccanici della Fiom, allora fortissimi, si sentivano orgogliosi.

Storie leggere e tanta allegria.
Il protagonista Richie Cunningham era interpretato da Ron Howard, che divenne successivamente un regista molto potente ad Hollywood.
La famiglia era da mulino bianco: Howard era il capofamiglia, la mamma Marion con i capelli rigorosamente cotonati era ovviamente una casalinga sempre intenta a infornare e poi due figli, il maggiore Richie, la minore Joanie Louise (Erin Moran) che Fonzie prendeva in giro perchè troppo magra, chiamandola Sottiletta.

Gonne a ruota e rock’n roll.
Altro che Gossip Girl.