diredonna network
logo
Stai leggendo: Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

La mamma discute la tesi del figlio morto pochi giorni prima

La ricetta più speciale di Chef Alessandro Borghese per un matrimonio perfetto

Oroscopo dal 27 luglio al 2 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Abusata ripetutamente per anni? "Vuol dire che le piaceva"

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

"I commenti e le reazioni delle donne quando ho indossato per strada un abito provocante"

Il reggiseno per bambine di 8 anni è troppo provocante (e push up)

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Paolo Sorrentino con il suo film "grande bellezza" trionfa meritatamente ai Golden Globe 2014, evento che anticipa gli Oscar.
(foto:Web)
(foto:Web)

Grande attenzione e successo per la 71esima edizione dei Golden Globe.

Questa manifestazione viene considerata l’anticamera degli Oscar: istituiti nel 1944 per il cinema e nel 1956 per la televisione, i premi sono assegnati da una giuria composta da circa novanta giornalisti iscritti all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association).

In quest’ultima edizione ha avuto un grandissimo riscontro un film italiano: “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Dal 1990 nessun italiano ha vinto un Golden Globe, l’ultimo è stato “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore.

Sorrentino, quindi, ha vinto il premio per la critica e conquista il premio come miglior film straniero e dichiara: “Non mi e’ stato anticipato niente è stata una grande emozione. Agli americani è piaciuta la libertà con cui è stato utilizzato il mezzo cinematografico e questa grande cavalcata dentro Roma, una certa umanità. Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo”.

Tra i vari premi vanno anche citati: il miglior regista Alfonso Cuaron con il film “Gravity”, “Twelve years a slave” di Steve McQueen come miglior film drammatico, l’attrice Cate Blanchett come miglior attrice nel film di Woody Allen “Blue Jasmine”.