diredonna network
logo
Stai leggendo: Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

"Duri da battere": Renga, Nek e Max Pezzali partono insieme in tour per l'Italia

Tutta colpa di Twiggy (e di Mary Quant) se le cattive ragazze indossano la minigonna

I tacchi che fanno l'occhiolino e sono "Better Than Sex - Meglio del sesso"

Alessandra Martines: se l'amore non ha età la maternità neppure

L'amore per Mariangela Melato: "Ci siamo amati per tutta una vita, anche da lontano"

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

Nicole Kidman e quelle parole sull'abuso domestico

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Chester Bennington, il messaggio del figlio 15enne sul suicidio

Jada Pinkett Smith su Tupac: "Mi manca tanto e ho un grande rimpianto"

Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Paolo Sorrentino con il suo film "grande bellezza" trionfa meritatamente ai Golden Globe 2014, evento che anticipa gli Oscar.
(foto:Web)
(foto:Web)

Grande attenzione e successo per la 71esima edizione dei Golden Globe.

Questa manifestazione viene considerata l’anticamera degli Oscar: istituiti nel 1944 per il cinema e nel 1956 per la televisione, i premi sono assegnati da una giuria composta da circa novanta giornalisti iscritti all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association).

In quest’ultima edizione ha avuto un grandissimo riscontro un film italiano: “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Dal 1990 nessun italiano ha vinto un Golden Globe, l’ultimo è stato “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore.

Sorrentino, quindi, ha vinto il premio per la critica e conquista il premio come miglior film straniero e dichiara: “Non mi e’ stato anticipato niente è stata una grande emozione. Agli americani è piaciuta la libertà con cui è stato utilizzato il mezzo cinematografico e questa grande cavalcata dentro Roma, una certa umanità. Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo”.

Tra i vari premi vanno anche citati: il miglior regista Alfonso Cuaron con il film “Gravity”, “Twelve years a slave” di Steve McQueen come miglior film drammatico, l’attrice Cate Blanchett come miglior attrice nel film di Woody Allen “Blue Jasmine”.