diredonna network
logo
Stai leggendo: Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Equinozio di Primavera: perché era ieri e 5 rituali magici per godere dei suoi influssi

Harry Potter: ad agosto apre una VERA scuola per maghi

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Borse O bag 2017: vi presentiamo la nuova collezione primavera estate!

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

New entry in Grey's Anatomy 13. Jo è in pericolo?

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Paolo Sorrentino con il suo film "grande bellezza" trionfa meritatamente ai Golden Globe 2014, evento che anticipa gli Oscar.
(foto:Web)

Grande attenzione e successo per la 71esima edizione dei Golden Globe.

Questa manifestazione viene considerata l’anticamera degli Oscar: istituiti nel 1944 per il cinema e nel 1956 per la televisione, i premi sono assegnati da una giuria composta da circa novanta giornalisti iscritti all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association).

In quest’ultima edizione ha avuto un grandissimo riscontro un film italiano: “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Dal 1990 nessun italiano ha vinto un Golden Globe, l’ultimo è stato “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore.

Sorrentino, quindi, ha vinto il premio per la critica e conquista il premio come miglior film straniero e dichiara: “Non mi e’ stato anticipato niente è stata una grande emozione. Agli americani è piaciuta la libertà con cui è stato utilizzato il mezzo cinematografico e questa grande cavalcata dentro Roma, una certa umanità. Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo”.

Tra i vari premi vanno anche citati: il miglior regista Alfonso Cuaron con il film “Gravity”, “Twelve years a slave” di Steve McQueen come miglior film drammatico, l’attrice Cate Blanchett come miglior attrice nel film di Woody Allen “Blue Jasmine”.