diredonna network
logo
Stai leggendo: Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Jeggings: cosa sono, come indossarli e i modelli di tendenza

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Paolo Sorrentino si impone ai Golden Globe 2014.

Paolo Sorrentino con il suo film "grande bellezza" trionfa meritatamente ai Golden Globe 2014, evento che anticipa gli Oscar.
(foto:Web)
(foto:Web)

Grande attenzione e successo per la 71esima edizione dei Golden Globe.

Questa manifestazione viene considerata l’anticamera degli Oscar: istituiti nel 1944 per il cinema e nel 1956 per la televisione, i premi sono assegnati da una giuria composta da circa novanta giornalisti iscritti all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association).

In quest’ultima edizione ha avuto un grandissimo riscontro un film italiano: “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Dal 1990 nessun italiano ha vinto un Golden Globe, l’ultimo è stato “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore.

Sorrentino, quindi, ha vinto il premio per la critica e conquista il premio come miglior film straniero e dichiara: “Non mi e’ stato anticipato niente è stata una grande emozione. Agli americani è piaciuta la libertà con cui è stato utilizzato il mezzo cinematografico e questa grande cavalcata dentro Roma, una certa umanità. Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo”.

Tra i vari premi vanno anche citati: il miglior regista Alfonso Cuaron con il film “Gravity”, “Twelve years a slave” di Steve McQueen come miglior film drammatico, l’attrice Cate Blanchett come miglior attrice nel film di Woody Allen “Blue Jasmine”.