diredonna network
logo
Stai leggendo: Meryl Streep confessa: “Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!”

Perché le donne nere continuano a sbiancarsi la pelle

Il topless di Kate Middleton: è ancora polemica

David Bechkam si difende dalle critiche per il bacio sulle labbra alla figlia

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Michelle e Aurora: 20 anni di tenerezze e complicità tra mamma e figlia

Carrie Bradshaw mood: su Amazon arriva la nuova linea di scarpe di Sarah Jessica Parker

Vestiti lunghi estivi 2017: tutte le tendenze e i modelli più belli della stagione!

Meryl Streep confessa: "Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!"

Maryl Streep si confessa e parla di Walt Disney dipingendolo come una persona davvero cattiva e maschilista.
(foto:Web)
(foto:Web)

Meryl Streep, durante la presentazione di un premio a Emma Thompson al National Board of Review, si è tolta qualche sassolino dalle scarpe e ha parlato in modo molto forte di Walt Dinsey:
“Disney, che ha portato gioia forse a miliardi di persone era, o forse ha avuto, alcune inclinazioni razziste. Ha fondato e sostenuto una lobby antisemita dell’industria e lui era certamente, sulla base delle politiche della sua azienda, una specie di bigotto.”

Ha poi letto una lettera del 1938 nella quale Disney respingeva una candidata di sesso femminile per il programma di tirocinante in animazione.

Riferendosi al film di Thompson Disney ‘Saving Mr Banks’, la Streep ha proseguito: “Quando ho visto il film, ho potuto solo immaginare il dispiacere di Walt Disney nel dover coltivare i favori di P.L. Travers per i 20 anni che ci sono voluti a garantire i diritti del suo lavoro. Deve averlo ucciso trovare in una donna una creatura altrettanto sprezzante e superiore, una persona che disprezzava i suoi stessi notevoli doni di prodigiosa produzione e immaginazione.

La Streep si unisce al coro che dipinge Disney come una persona malvagia e che vuole il suo club come un gruppo di illuminati.
Sapremo mai la verità?