diredonna network
logo
Stai leggendo: Meryl Streep confessa: “Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!”

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

I tweet scioccanti dell'ex ragazzo della terza C

Lola Kirke, la risposta dell'attrice agli insulti per quei peli sotto le ascelle sul red carpet

A chi interessa se Tiziano Ferro ha un fidanzato e con chi vuole un figlio

Perché la morte del Dottor Shepherd ha salvato la vita di Patrick Dempsey

7 scarpe che dovreste comprare durante i saldi (perché saranno di moda anche l'anno prossimo)

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Meryl Streep confessa: "Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!"

Maryl Streep si confessa e parla di Walt Disney dipingendolo come una persona davvero cattiva e maschilista.
(foto:Web)

Meryl Streep, durante la presentazione di un premio a Emma Thompson al National Board of Review, si è tolta qualche sassolino dalle scarpe e ha parlato in modo molto forte di Walt Dinsey:
“Disney, che ha portato gioia forse a miliardi di persone era, o forse ha avuto, alcune inclinazioni razziste. Ha fondato e sostenuto una lobby antisemita dell’industria e lui era certamente, sulla base delle politiche della sua azienda, una specie di bigotto.”

Ha poi letto una lettera del 1938 nella quale Disney respingeva una candidata di sesso femminile per il programma di tirocinante in animazione.

Riferendosi al film di Thompson Disney ‘Saving Mr Banks’, la Streep ha proseguito: “Quando ho visto il film, ho potuto solo immaginare il dispiacere di Walt Disney nel dover coltivare i favori di P.L. Travers per i 20 anni che ci sono voluti a garantire i diritti del suo lavoro. Deve averlo ucciso trovare in una donna una creatura altrettanto sprezzante e superiore, una persona che disprezzava i suoi stessi notevoli doni di prodigiosa produzione e immaginazione.

La Streep si unisce al coro che dipinge Disney come una persona malvagia e che vuole il suo club come un gruppo di illuminati.
Sapremo mai la verità?