diredonna network
logo
Stai leggendo: Meryl Streep confessa: “Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!”

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Borse O bag 2017: vi presentiamo la nuova collezione primavera estate!

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

New entry in Grey's Anatomy 13. Jo è in pericolo?

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Meryl Streep confessa: "Walt Disney razzista e antisemita. Aprite gli occhi!"

Maryl Streep si confessa e parla di Walt Disney dipingendolo come una persona davvero cattiva e maschilista.
(foto:Web)

Meryl Streep, durante la presentazione di un premio a Emma Thompson al National Board of Review, si è tolta qualche sassolino dalle scarpe e ha parlato in modo molto forte di Walt Dinsey:
“Disney, che ha portato gioia forse a miliardi di persone era, o forse ha avuto, alcune inclinazioni razziste. Ha fondato e sostenuto una lobby antisemita dell’industria e lui era certamente, sulla base delle politiche della sua azienda, una specie di bigotto.”

Ha poi letto una lettera del 1938 nella quale Disney respingeva una candidata di sesso femminile per il programma di tirocinante in animazione.

Riferendosi al film di Thompson Disney ‘Saving Mr Banks’, la Streep ha proseguito: “Quando ho visto il film, ho potuto solo immaginare il dispiacere di Walt Disney nel dover coltivare i favori di P.L. Travers per i 20 anni che ci sono voluti a garantire i diritti del suo lavoro. Deve averlo ucciso trovare in una donna una creatura altrettanto sprezzante e superiore, una persona che disprezzava i suoi stessi notevoli doni di prodigiosa produzione e immaginazione.

La Streep si unisce al coro che dipinge Disney come una persona malvagia e che vuole il suo club come un gruppo di illuminati.
Sapremo mai la verità?