diredonna network
logo
Stai leggendo: Dna italiano 30 volte superiore al resto d’Europa

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Romy Schneider, il destino crudele dell'attrice che interpretò la principessa Sissi

Dna italiano 30 volte superiore al resto d'Europa

Gli italiani sono geneticamente migliori.Lo conferma uno studio scientifico.
(foto:Web)
(foto:Web)

Gli italiani sono ancora una volta sul podio per essere i migliori d’Europa in qualcosa.
Questa volta è il patrimonio genetico del BelPaese ad avere la meglio.
Grazie al miscuglio di provenienze, alle continue migrazioni e all’isolamento delle minoranze linguistiche, il Dna “tricolore” è il più variegato del Vecchio Continente.

È questo il risultato di uno studio pubblicato sul Journal of Anthropological Sciences, nato nel 2007 dalla collaborazione con l’Università della Sapienza di Roma e gli atenei di Bologna, Cagliari e Pisa.
Esaminando il Dna trasmesso per linea materna, ovvero quello mitocondriale, la ricerca ha passato ai raggi X 57 popolazioni del territorio nazionale, inclusi nuclei di antico insediamento, come le minoranze linguistiche (Ladini, Cimbri, e Grecanici). Ed è proprio grazie ad alcuni di questi gruppi (ad esempio, le comunità “paleogermanofone” e ladine delle Alpi o alcune popolazioni della Sardegna) che il codice genetico italiano è risultato così eterogeneo.

La distanza genetica tra due sardi o due abitanti delle regioni alpine può risultare fino a decine di volte superiore a quella che divide popolazioni come portoghesi e ungheresi, o spagnoli e romeni.
“I nostri dati – spiega il coordinatore dello studio Giovanni Destro Bisol, antropologo dell’università Sapienza di Roma – testimoniamo come fenomeni migratori e processi di isolamento che hanno coinvolto le minoranze linguistiche, per la maggior parte insediatesi nel nostro territorio prevalentemente tra il Medioevo e il XIX secolo, abbiano lasciato testimonianza non solo nei loro aspetti culturali, ma anche nella loro struttura genetica”.

Italians do it better, again.