diredonna network
logo
Stai leggendo: Università di Trento paga persone su facebook per alcuni esperimenti. Ecco come partecipare

Università gratis: ecco chi ne ha diritto e come funziona

Alessandra Martines: se l'amore non ha età la maternità neppure

L'amore per Mariangela Melato: "Ci siamo amati per tutta una vita, anche da lontano"

Nicole Kidman e quelle parole sull'abuso domestico

Chester Bennington, il messaggio del figlio 15enne sul suicidio

Jada Pinkett Smith su Tupac: "Mi manca tanto e ho un grande rimpianto"

Simboli lavaggio: come interpretare al meglio le etichette sui vestiti

I papà morirono l'11 settembre: "Abbiamo ricostruito il nostro cuore insieme "

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

The Handmaid's Tale: Alexis Bledel racconta le schiave sessuali del futuro

Università di Trento paga persone su facebook per alcuni esperimenti. Ecco come partecipare

L'università di Trento cerca alcune persone disposte a rispondere ad alcune domande per la ricerca.Questo lavoro sarà pagato. Perchè non proporsi?
(foto:Web)
(foto:Web)

Vuoi guadagnare facendo da “cavia” in un esperimento scientifico? Cerca su Facebook questa iniziativa dell’università di Trento. Questa iniziativa è decisamente curiosa quanto interessante: gli studenti e i ricercatori del dipartimento di Scienze cognitive dell’Università infatti ha bisogno di alcuni volontari per esperimenti e hanno deciso di cercarli tramite social network.

Le ricerche di questa “Bacheca esperimenti” sono le più disparate: si cercano persone ambidestre, madrelingua italiana per un questionario sulle relazioni sociali e gli atteggiamenti verso il proprio corpo. Soggetti insonni, persone disposte a rispondere ad alcune domande sui temi della salute e del benessere.

Offrirsi per questi esperimenti può aiutare la ricerca e si è pure pagati. Attenzione però alla motivazione: nell’avviso in bacheca è scritto che ci vuole “buon senso nella partecipazione agli esperimenti”.

“Se da un lato la ricerca ha bisogno di molti volontari – si legge – dall’altro lato i ricercatori non traggono beneficio dall’avere partecipanti motivati solamente dal guadagno economico”.
Se avete voglia quindi, perchè non provare?!?