diredonna network
logo
Stai leggendo: Università di Trento paga persone su facebook per alcuni esperimenti. Ecco come partecipare

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Jessica, perde la memoria ma si innamora di nuovo dello stesso uomo

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

"Ma cosa fai tutto il giorno?" Ecco la risposta di una mamma che non lavora

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Università di Trento paga persone su facebook per alcuni esperimenti. Ecco come partecipare

L'università di Trento cerca alcune persone disposte a rispondere ad alcune domande per la ricerca.Questo lavoro sarà pagato. Perchè non proporsi?
(foto:Web)

Vuoi guadagnare facendo da “cavia” in un esperimento scientifico? Cerca su Facebook questa iniziativa dell’università di Trento. Questa iniziativa è decisamente curiosa quanto interessante: gli studenti e i ricercatori del dipartimento di Scienze cognitive dell’Università infatti ha bisogno di alcuni volontari per esperimenti e hanno deciso di cercarli tramite social network.

Le ricerche di questa “Bacheca esperimenti” sono le più disparate: si cercano persone ambidestre, madrelingua italiana per un questionario sulle relazioni sociali e gli atteggiamenti verso il proprio corpo. Soggetti insonni, persone disposte a rispondere ad alcune domande sui temi della salute e del benessere.

Offrirsi per questi esperimenti può aiutare la ricerca e si è pure pagati. Attenzione però alla motivazione: nell’avviso in bacheca è scritto che ci vuole “buon senso nella partecipazione agli esperimenti”.

“Se da un lato la ricerca ha bisogno di molti volontari – si legge – dall’altro lato i ricercatori non traggono beneficio dall’avere partecipanti motivati solamente dal guadagno economico”.
Se avete voglia quindi, perchè non provare?!?