diredonna network
logo
Stai leggendo: Pussy Riot: Maria Alyokhina libera

Romy Schneider, il destino crudele dell'attrice che interpretò la principessa Sissi

Tutte pazze per la coperta unicorno di Primark

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Alessandra Martines: se l'amore non ha età la maternità neppure

L'amore per Mariangela Melato: "Ci siamo amati per tutta una vita, anche da lontano"

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

Nicole Kidman e quelle parole sull'abuso domestico

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Pussy Riot: Maria Alyokhina libera

Liberata la prima detenuta delle Pussy Riot. Nel pomeriggio verrà scarcerata anche Nadezhda.
Pussy Riot: Maria Alyokhina libera
fonte ANSA

E’ stata rilasciata oggi, in seguito all’amnistia approvata dalla Duma russa, Maria Alyokhina, una delle Pussy Riot. Lo riferisce l’avvocato Peter Zaikin all’agenzia Ria Novosti.

Alyokhina, che dall’agosto 2012 scontava due anni di prigione per una preghiera blasfema anti-Putin nella cattedrale di Mosca. Probabile rilascio questo pomeriggio anche per Nadezhda Tolokonnikova, l’altra Pussy Riot che attualmente si trova in un ospedale carcerario a Krasnoiarsk in Siberia, secondo quanto dichiarato dal marito Piotr Verzilov all’agenzia Interfax

Alyokhina: “Nessun atto di umanità, solo propaganda” -La Pussy Riot Maria Alyokhina, liberata dal carcere a Nizhni Novgorod, denuncia come una “farsa” l’amnistia lanciata dal presidente Vladimir Putin per i 20 anni della Costituzione russa e approvata la scorsa settimana dalla Duma. “Se fosse possibile rifiutare l’amnistia, l’avrei fatto personalmente” ha detto Alyokhina in un’intervista alla tv russa d’opposizione Dozhd all’uscita dal carcere, “perché non credo sia un atto umanitario, ma una trovata pubblicitaria”.