diredonna network
logo
Stai leggendo: Tragedia a Londra: crolla il tetto del teatro Apollo

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Victoire Dauxerre: "Una top model muore lentamente. Ero una morta che camminava"

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Oroscopo dal 21 al 27 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Tragedia a Londra: crolla il tetto del teatro Apollo

Crolla il tetto dell'Apollo Theatre a Londra. Parecchi i feriti, alcuni in modo molto grave.
(foto:Web)
(foto:Web)

È tragedia a Londra. Il teatro del centro città, l’Apollo Theatre, è crollato durante uno spettacolo. Proseguono anche in queste ore le operazioni di salvataggio e di recupero dei feriti.

Una testimone ha raccontato all’emittente di aver sentito un rumore di qualcosa che si spezzava prima del crollo, alle 20:15 ora locale, le 21:15 in Italia. A cedere pare essere stata la galleria.
Più di ottanta i feriti, tra i quali sette molto gravi, ma nessuno di loro sembra essere in pericolo di vita.
Un portavoce del teatro ha raccontato la sua esperienza definendola “scioccante e inquietante!”. Ora c’è solo da capire la natura di questa tragedia.
Secondo la polizia al momento non sono emersi elementi che facciano pensare ad un atto criminale.

Bloccato e completamente transennato il West End di Londra questa sera a ridosso di Piccadilly Circus, addobbato dalla luminarie natalizie e dove i mezzi di soccorso della polizia arrivano fino alla vicina Leicester Square.
Steve George, 29 anni, racconta ai media:
“Era cominciato lo spettacolo da 30 o al massimo 40 minuti, quando abbiamo cominciato a notare dei movimenti di gente che si alzava in platea. Poi poco dopo un rumore, un tonfo.Lo spettacolo era tutto esaurito. Li avevo prenotati settimane prima, come regalo di compleanno per mia moglie”. Steve era seduto con la moglie in balconata dove ha visto in diretta il crollo. “Dove eravamo noi non c’è stato grande panico – racconta – ma abbiamo sentito le urla e in pochi muniti abbiamo visto persone coperte di polvere, alcune sanguinanti”.