diredonna network
logo
Stai leggendo: Tragedia a Londra: crolla il tetto del teatro Apollo

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Tragedia a Londra: crolla il tetto del teatro Apollo

Crolla il tetto dell'Apollo Theatre a Londra. Parecchi i feriti, alcuni in modo molto grave.
(foto:Web)
(foto:Web)

È tragedia a Londra. Il teatro del centro città, l’Apollo Theatre, è crollato durante uno spettacolo. Proseguono anche in queste ore le operazioni di salvataggio e di recupero dei feriti.

Una testimone ha raccontato all’emittente di aver sentito un rumore di qualcosa che si spezzava prima del crollo, alle 20:15 ora locale, le 21:15 in Italia. A cedere pare essere stata la galleria.
Più di ottanta i feriti, tra i quali sette molto gravi, ma nessuno di loro sembra essere in pericolo di vita.
Un portavoce del teatro ha raccontato la sua esperienza definendola “scioccante e inquietante!”. Ora c’è solo da capire la natura di questa tragedia.
Secondo la polizia al momento non sono emersi elementi che facciano pensare ad un atto criminale.

Bloccato e completamente transennato il West End di Londra questa sera a ridosso di Piccadilly Circus, addobbato dalla luminarie natalizie e dove i mezzi di soccorso della polizia arrivano fino alla vicina Leicester Square.
Steve George, 29 anni, racconta ai media:
“Era cominciato lo spettacolo da 30 o al massimo 40 minuti, quando abbiamo cominciato a notare dei movimenti di gente che si alzava in platea. Poi poco dopo un rumore, un tonfo.Lo spettacolo era tutto esaurito. Li avevo prenotati settimane prima, come regalo di compleanno per mia moglie”. Steve era seduto con la moglie in balconata dove ha visto in diretta il crollo. “Dove eravamo noi non c’è stato grande panico – racconta – ma abbiamo sentito le urla e in pochi muniti abbiamo visto persone coperte di polvere, alcune sanguinanti”.