diredonna network
logo
Stai leggendo: Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Lui è l'uomo che l'ha stuprata, lei la vittima: insieme raccontano la loro storia

Ecco le cinture di castità moderne, i pantaloni antistupro: tutti i modelli

Ilde, sposa a 13 anni: "Mi portava dalle prostitute per imparare a fare sesso"

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

Una campagna shock per sensibilizzare al tema della Violenza sulle Donne che conferma la considerazione della donna come facile preda di violenza.
(foto:Web)

La campagna choc contro la Violenza sulle Donne arriverà in tutte le fermate dell’autobus da gennaio, ma “Punto su di te” ha già dato i suoi frutti, amari.
Sui cartelloni ci sono mezzi busti di donne e fumetti che recitano le frasi: “vorrei che mio marito…”, “quando torno a casa vorrei…”, “dopo gli studi mi piacerebbe…”.
Purtroppo a soli due giorni dall’installazione di prova, nei fumetti sono apparse frasi volgari e sessiste, che condannano per l’ennesima volta la donna a oggetto sessuale e facile preda di violenza.

 

(foto:Web)

L’esperimento degli ideatori è dunque riuscito come raccontano loro stessi:

“Far capire che la discriminazione è ancora diffusa e radicata nella fascia media della popolazione, che è poi quella che deve cambiare testa rispetto al problema”
Quando la campagna sarà su tutte le fermate d’autobus italiane, al posto degli insulti apparirà un richiamo al sito internet per segnalare le offese ricevute.

Siamo un popolo di bestie.