diredonna network
logo
Stai leggendo: Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

Stupro, quando a Tina Lagostena Bassi dissero "fosse stata a casa non sarebbe successo"

Ryanair: tutti i voli cancellati e cosa fare se c'è anche il tuo

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

Una campagna shock per sensibilizzare al tema della Violenza sulle Donne che conferma la considerazione della donna come facile preda di violenza.
(foto:Web)
(foto:Web)

La campagna choc contro la Violenza sulle Donne arriverà in tutte le fermate dell’autobus da gennaio, ma “Punto su di te” ha già dato i suoi frutti, amari.
Sui cartelloni ci sono mezzi busti di donne e fumetti che recitano le frasi: “vorrei che mio marito…”, “quando torno a casa vorrei…”, “dopo gli studi mi piacerebbe…”.
Purtroppo a soli due giorni dall’installazione di prova, nei fumetti sono apparse frasi volgari e sessiste, che condannano per l’ennesima volta la donna a oggetto sessuale e facile preda di violenza.

 

(foto:Web)
(foto:Web)

L’esperimento degli ideatori è dunque riuscito come raccontano loro stessi:

“Far capire che la discriminazione è ancora diffusa e radicata nella fascia media della popolazione, che è poi quella che deve cambiare testa rispetto al problema”
Quando la campagna sarà su tutte le fermate d’autobus italiane, al posto degli insulti apparirà un richiamo al sito internet per segnalare le offese ricevute.

Siamo un popolo di bestie.