diredonna network
logo
Stai leggendo: Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Quel "signora, ha goduto?" quando 5 uomini stuprarono Franca Rame

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Violenza sulle donne: una campagna shock conferma la discriminazione

Una campagna shock per sensibilizzare al tema della Violenza sulle Donne che conferma la considerazione della donna come facile preda di violenza.
(foto:Web)
(foto:Web)

La campagna choc contro la Violenza sulle Donne arriverà in tutte le fermate dell’autobus da gennaio, ma “Punto su di te” ha già dato i suoi frutti, amari.
Sui cartelloni ci sono mezzi busti di donne e fumetti che recitano le frasi: “vorrei che mio marito…”, “quando torno a casa vorrei…”, “dopo gli studi mi piacerebbe…”.
Purtroppo a soli due giorni dall’installazione di prova, nei fumetti sono apparse frasi volgari e sessiste, che condannano per l’ennesima volta la donna a oggetto sessuale e facile preda di violenza.

 

(foto:Web)
(foto:Web)

L’esperimento degli ideatori è dunque riuscito come raccontano loro stessi:

“Far capire che la discriminazione è ancora diffusa e radicata nella fascia media della popolazione, che è poi quella che deve cambiare testa rispetto al problema”
Quando la campagna sarà su tutte le fermate d’autobus italiane, al posto degli insulti apparirà un richiamo al sito internet per segnalare le offese ricevute.

Siamo un popolo di bestie.