diredonna network
logo
Stai leggendo: C’era una volta Maya (e l’atmosfera natalizia)

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

C'era una volta Maya (e l'atmosfera natalizia)

Maya VS decorazioni natalizie, chi la spunterà? Lo scoprirete solo leggendo!
www.deviantart.com

Maya come molte ragazze eternamente bambine, adora il Natale, le luci e i festeggiamenti.
Le piace passeggiare per la città saltellando tra le luminarie e facendosi scattare foto in pose bizzarre sotto di esse.

Ma se c’è una cosa che l’angoscia come non mai, sono i preparativi in casa sua.
Abitando in una piccola ed accogliente villetta, ogni anno la madre (Albin) acquista qualche piccolo accessorio in più  e ad oggi casa sua tra bambinelli vari, frutta sbrilluccicosa, lucine intrecciate lungo le finestre e adesivi colorati per i vetri, si può affermare con tutta certezza che sia diventata la seconda residenza ufficiale di Babbo Natale per quante decorazioni penzolino qui e lì in ogni dove.
Immaginate quanto si possa impiegare per trasformare un’umile dimora nel tempio del Natale…
Il tutto poi è condito dal fatto che queste simpaticissime decorazioni vengono deposte ogni anno in un sottoscala particolarmente simpatico che con i suoi 4975487649 spigoli bastardissimi regala a Maya bernoccoli di dimensioni epiche ogni qualvolta si china per tirar fuori gli innumerevoli scatoloni che potrebbero rifornire un intero grande magazzino!

Un anno prese così tante botte che aveva dimenticato persino chi fosse e piagnucolando chieste intristita a Davide (il suo impareggiabile fidanzato) di continuare quell’ingrato lavoro.
Ma tutto questo trambusto, passa in un batter d’occhio quando, una volta terminate le varie composizioni natalizie, Maya spegne le luci della casa ed accende la magia del Natale.
Gli occhi le brillano riflettendo le mille e più lucine che compaiono qua e là e ricorda perché ogni anno, nonostante i bernoccoli e le imprecazioni, continui ad accovacciarsi e a tirar fuori un po’ di quella polvere stellata che rende speciale i giorni che precedono e accompagnano il Natale…