diredonna network
logo
Stai leggendo: Paola e Chiara non si parlano più: la colpa è di Max Pezzali

"Povero" Johnny Depp: "Ecco come spende 2 milioni di dollari al mese"

Fedez, la proposta di matrimonio a Chiara Ferragni con i cuori del pubblico all'Arena di Verona

Brad Pitt: "Ero un ubriacone: ho smesso". Il divorzio da Angelina? "È stato come morire"

Crisi rientrata tra Chiara Ferragni e il suo "raviolo" Fedez, nonostante la gaffe di lui che ricicla la dedica

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Paola e Chiara non si parlano più: la colpa è di Max Pezzali

Paola e Chiara, le sorelle di "Amici come prima", non si parlano più e la colpa è del loro talent scout Max Pezzali.
(foto:Web)
(foto:Web)

Le due note sorelline del panorama musicale italiano, Paola e Chiara Iezzi, quelle di “Amici come prima” sono ai ferri corti ormai da mesi e non si parlano più.
A spiegarlo è la bionda delle due, Chiara, in un’intervista negli studi di Verissimo con Silvia Toffanin.

“Non ci parliamo ormai da quattro mesi ma io le voglio un mondo di bene e a Natale sicuramente ci vedremo e parleremo. Magari, in futuro, io e Paola riusciremo ancora a fare un disco insieme.”
La causa sarebbe un programma fatto da Paola in compagnia di Max Pezzali: “È successo tutto a giugno quando ho scoperto all’improvviso dai giornali che Paola avrebbe condotto un programma in televisione con Max Pezzali. All’inizio ci sono rimasta molto male. Sarebbe stato carino condurre con lei e Max Pezzali Nord Sud Ovest Est. Ma poi ho capito che lei aveva preso una decisione per se stessa, perché aveva voglia di fare una cosa da sola. Per me è stata l’occasione per capire cosa volevo fare veramente, anche perché la nostra crisi artistica, dovuta a visioni diverse, era iniziata già nel 2007″