diredonna network
logo
Stai leggendo: Paola e Chiara non si parlano più: la colpa è di Max Pezzali

Christine Teigen, la foto della supermodella su Twitter: "Ecco le mie normalissime smagliature"

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Oysho presenta l'anteprima primavera/estate 2017: scopriamo Midnight romance

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Paola e Chiara non si parlano più: la colpa è di Max Pezzali

Paola e Chiara, le sorelle di "Amici come prima", non si parlano più e la colpa è del loro talent scout Max Pezzali.
(foto:Web)

Le due note sorelline del panorama musicale italiano, Paola e Chiara Iezzi, quelle di “Amici come prima” sono ai ferri corti ormai da mesi e non si parlano più.
A spiegarlo è la bionda delle due, Chiara, in un’intervista negli studi di Verissimo con Silvia Toffanin.

“Non ci parliamo ormai da quattro mesi ma io le voglio un mondo di bene e a Natale sicuramente ci vedremo e parleremo. Magari, in futuro, io e Paola riusciremo ancora a fare un disco insieme.”
La causa sarebbe un programma fatto da Paola in compagnia di Max Pezzali: “È successo tutto a giugno quando ho scoperto all’improvviso dai giornali che Paola avrebbe condotto un programma in televisione con Max Pezzali. All’inizio ci sono rimasta molto male. Sarebbe stato carino condurre con lei e Max Pezzali Nord Sud Ovest Est. Ma poi ho capito che lei aveva preso una decisione per se stessa, perché aveva voglia di fare una cosa da sola. Per me è stata l’occasione per capire cosa volevo fare veramente, anche perché la nostra crisi artistica, dovuta a visioni diverse, era iniziata già nel 2007″