diredonna network
logo
Stai leggendo: Rachel e la sua rara mortale malattia: ogni volta che mangia sembra incinta

Il dramma di Sahana, la bambina con una delle malattie più rare al Mondo

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Rachel e la sua rara mortale malattia: ogni volta che mangia sembra incinta

Rachel ha una rara malattia che le gonfia la pancia ogni volta che ingerisce qualcosa.La giovane ora sta sviluppando una forma di anoressia.
(foto:Web)

Rachel Harley è una giovane ragazza con un grave disturbo molto raro che le crea diversi disagi. La sua pancia lievita come se fosse incinta, ogni volta che mangia. La ragazza ha un problema all’apparato digerenti che le provoca un eccessivo gonfiore e anche forti dolori ogni volta che ingerisce qualcosa.

Il suo stomaco si gonfia oltre misura. 

Come racconta il Daily Mail, i primi sintomi sono stati avvertiti lo scorso aprile, quando durante la notte Rachel ha notato lo strano gonfiore del suo stomaco. Dopo una corsa in ospedale sono stati trovati tessuti fibrosi nell’intestino e nell’appendice. Dopo un’operazione sembrava potesse stare meglio ma ma nel giro di pochi mesi i disturbi sono ricominciati. 
Rachel sta sviluppando una forma di anoressia, vedendo ormai nel cibo un suo nemico e da ottobre è ricovereta senza sapere se potrà mai guarire.

 

Nel frattempo i genitori stanno raccogliendo fondi per sostenere una ricerca in merito al caso della figlia.