diredonna network
logo
Stai leggendo: Rachel e la sua rara mortale malattia: ogni volta che mangia sembra incinta

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Come in "Ritorno al futuro": le scarpe che si allacciano da sole

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Rachel e la sua rara mortale malattia: ogni volta che mangia sembra incinta

Rachel ha una rara malattia che le gonfia la pancia ogni volta che ingerisce qualcosa.La giovane ora sta sviluppando una forma di anoressia.
(foto:Web)

Rachel Harley è una giovane ragazza con un grave disturbo molto raro che le crea diversi disagi. La sua pancia lievita come se fosse incinta, ogni volta che mangia. La ragazza ha un problema all’apparato digerenti che le provoca un eccessivo gonfiore e anche forti dolori ogni volta che ingerisce qualcosa.

Il suo stomaco si gonfia oltre misura. 

Come racconta il Daily Mail, i primi sintomi sono stati avvertiti lo scorso aprile, quando durante la notte Rachel ha notato lo strano gonfiore del suo stomaco. Dopo una corsa in ospedale sono stati trovati tessuti fibrosi nell’intestino e nell’appendice. Dopo un’operazione sembrava potesse stare meglio ma ma nel giro di pochi mesi i disturbi sono ricominciati. 
Rachel sta sviluppando una forma di anoressia, vedendo ormai nel cibo un suo nemico e da ottobre è ricovereta senza sapere se potrà mai guarire.

 

Nel frattempo i genitori stanno raccogliendo fondi per sostenere una ricerca in merito al caso della figlia.