diredonna network
logo
Stai leggendo: Scienza shock: “La specie umana è nata dall’unione di un scimpanzè con un suino”

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Scienza shock: "La specie umana è nata dall'unione di un scimpanzè con un suino"

L'uomo deriva dallo scimpanzè ma non solo... anche dal suino.Ecco la nuova scoperta shock del più famoso esperto mondiale di ibridazione animale.
(foto:Web)
(foto:Web)

Gli scienziati non hanno dubbi: dopo innumerevoli studi ad hoc, la risposta alla domanda che l’uomo si pone da sempre è che la specie umana sarebbe iniziata da un incrocio tra un suino maschio e una femmina di scimpanzè.
Una tesi che pare improbabile eppure Eugene McCarthy, professore della University of Georgia, non è uno studioso qualsiasi ma uno dei più autorevoli esperti mondiali in ibridazione animale.
Le sue conclusioni si basano sul fatto che mentre gli umani hanno molte caratteristiche in comune con gli scimpanzè, c’e’ anche un numero molto grande di caratteristiche distintive che non si trovano negli altri primati.
Queste caratteristiche, secondo lo studioso, sono molto probabilmente il risultato di un’origine ibrida in qualche punto della storia evoluzionistica umana.

In più McCarthy spiega come un animale che possiede tutti i tratti che fanno la differenza tra uomo e scimpanzè, sia proprio il suino: pelle senza peli, strato di grasso sottocutaneo, e altri segnali meno evidenti nella struttura della pelle e degli organi.

A proposito dell’infertilità degli ibridi, McCarthy spiega che non tutti gli ibridi sono sterili, e in molti casi gli animali ibridi sono capaci di accoppiarsi con animali della specie dei genitori e, dopo molte generazioni, potrebbero anche accoppiarsi fra loro.

 

Voi che ne pensate?!?