diredonna network
logo
Stai leggendo: Scienza shock: “La specie umana è nata dall’unione di un scimpanzè con un suino”

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Scienza shock: "La specie umana è nata dall'unione di un scimpanzè con un suino"

L'uomo deriva dallo scimpanzè ma non solo... anche dal suino.Ecco la nuova scoperta shock del più famoso esperto mondiale di ibridazione animale.
(foto:Web)

Gli scienziati non hanno dubbi: dopo innumerevoli studi ad hoc, la risposta alla domanda che l’uomo si pone da sempre è che la specie umana sarebbe iniziata da un incrocio tra un suino maschio e una femmina di scimpanzè.
Una tesi che pare improbabile eppure Eugene McCarthy, professore della University of Georgia, non è uno studioso qualsiasi ma uno dei più autorevoli esperti mondiali in ibridazione animale.
Le sue conclusioni si basano sul fatto che mentre gli umani hanno molte caratteristiche in comune con gli scimpanzè, c’e’ anche un numero molto grande di caratteristiche distintive che non si trovano negli altri primati.
Queste caratteristiche, secondo lo studioso, sono molto probabilmente il risultato di un’origine ibrida in qualche punto della storia evoluzionistica umana.

In più McCarthy spiega come un animale che possiede tutti i tratti che fanno la differenza tra uomo e scimpanzè, sia proprio il suino: pelle senza peli, strato di grasso sottocutaneo, e altri segnali meno evidenti nella struttura della pelle e degli organi.

A proposito dell’infertilità degli ibridi, McCarthy spiega che non tutti gli ibridi sono sterili, e in molti casi gli animali ibridi sono capaci di accoppiarsi con animali della specie dei genitori e, dopo molte generazioni, potrebbero anche accoppiarsi fra loro.

 

Voi che ne pensate?!?