diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccisa a 17 anni dall’amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Pedopornografia in crescita: la "colpa" (involontaria) è delle foto postate dai genitori

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Uccisa a 17 anni dall'amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Scomparsa a maggio, una giovane donna è stata ritrovata morta in un bosco.Ad ucciderla un amico, innamorato e non corrisposto che poco prima ha postato una loro foto su fb.
(foto:Web)
(foto:Web)

Nell’era dei Social-suicidi queste cose provocano veramente la pelle d’oca.

Georgia Williams era una giovane ragazza scomparsa il maggio scorso e qualche giorno fa il suo corpo è stato trovato senza vita in un bosco. La ragazza è stata strangolata dall’amico Jamie Reynolds, 23anni, innamorato di lei nonostante i continui rifiuti. 

Jamie non accettava di non vivere insieme alla sua amata e quindi, in un attacco di gelosia, l’ha uccisa.

(foto:Web)
(foto:Web)

La ragazza, data per scomparsa, è stata cercata per mesi da famiglia e agenti della polizia. Del ragazzo non si erano più avute notizie: era fuggito in Scozia. A lungo il giovane ha negato il suo coinvolgimento nell’omicidio, fino alla confessione di oggi.

La foto che li ritrae insieme, pubblicata dai mass media di tutto il mondo, è stata scattata poco prima dell’omicidio e condivisa sul social. A aiutare le forze dell’ordine nelle ricerche sono stati gli amici della vittima anche grazie a Facebook.

Ora il ragazzo rischia l’ergastolo.