diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccisa a 17 anni dall’amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Uccisa a 17 anni dall'amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Scomparsa a maggio, una giovane donna è stata ritrovata morta in un bosco.Ad ucciderla un amico, innamorato e non corrisposto che poco prima ha postato una loro foto su fb.
(foto:Web)

Nell’era dei Social-suicidi queste cose provocano veramente la pelle d’oca.

Georgia Williams era una giovane ragazza scomparsa il maggio scorso e qualche giorno fa il suo corpo è stato trovato senza vita in un bosco. La ragazza è stata strangolata dall’amico Jamie Reynolds, 23anni, innamorato di lei nonostante i continui rifiuti. 

Jamie non accettava di non vivere insieme alla sua amata e quindi, in un attacco di gelosia, l’ha uccisa.

(foto:Web)

La ragazza, data per scomparsa, è stata cercata per mesi da famiglia e agenti della polizia. Del ragazzo non si erano più avute notizie: era fuggito in Scozia. A lungo il giovane ha negato il suo coinvolgimento nell’omicidio, fino alla confessione di oggi.

La foto che li ritrae insieme, pubblicata dai mass media di tutto il mondo, è stata scattata poco prima dell’omicidio e condivisa sul social. A aiutare le forze dell’ordine nelle ricerche sono stati gli amici della vittima anche grazie a Facebook.

Ora il ragazzo rischia l’ergastolo.