diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccisa a 17 anni dall’amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Oroscopo dal 4 al 10 maggio - Come sopravvivere alle stelle

La pratica delle neonate sepolte vive, soffocate o annegate

"Mi ha detto 'Ti amo, mamma' e poi ha chiuso gli occhi". La straziante storia di Nolan

Uccisa a 17 anni dall'amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Scomparsa a maggio, una giovane donna è stata ritrovata morta in un bosco.Ad ucciderla un amico, innamorato e non corrisposto che poco prima ha postato una loro foto su fb.
(foto:Web)
(foto:Web)

Nell’era dei Social-suicidi queste cose provocano veramente la pelle d’oca.

Georgia Williams era una giovane ragazza scomparsa il maggio scorso e qualche giorno fa il suo corpo è stato trovato senza vita in un bosco. La ragazza è stata strangolata dall’amico Jamie Reynolds, 23anni, innamorato di lei nonostante i continui rifiuti. 

Jamie non accettava di non vivere insieme alla sua amata e quindi, in un attacco di gelosia, l’ha uccisa.

(foto:Web)
(foto:Web)

La ragazza, data per scomparsa, è stata cercata per mesi da famiglia e agenti della polizia. Del ragazzo non si erano più avute notizie: era fuggito in Scozia. A lungo il giovane ha negato il suo coinvolgimento nell’omicidio, fino alla confessione di oggi.

La foto che li ritrae insieme, pubblicata dai mass media di tutto il mondo, è stata scattata poco prima dell’omicidio e condivisa sul social. A aiutare le forze dell’ordine nelle ricerche sono stati gli amici della vittima anche grazie a Facebook.

Ora il ragazzo rischia l’ergastolo.