diredonna network
logo
Stai leggendo: Uccisa a 17 anni dall’amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

"Se non hai niente di bello da dire, allora stai zitto": quando un selfie diventa virale

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

Uccisa a 17 anni dall'amico geloso. Poco prima una foto insieme su Facebook.

Scomparsa a maggio, una giovane donna è stata ritrovata morta in un bosco.Ad ucciderla un amico, innamorato e non corrisposto che poco prima ha postato una loro foto su fb.
(foto:Web)

Nell’era dei Social-suicidi queste cose provocano veramente la pelle d’oca.

Georgia Williams era una giovane ragazza scomparsa il maggio scorso e qualche giorno fa il suo corpo è stato trovato senza vita in un bosco. La ragazza è stata strangolata dall’amico Jamie Reynolds, 23anni, innamorato di lei nonostante i continui rifiuti. 

Jamie non accettava di non vivere insieme alla sua amata e quindi, in un attacco di gelosia, l’ha uccisa.

(foto:Web)

La ragazza, data per scomparsa, è stata cercata per mesi da famiglia e agenti della polizia. Del ragazzo non si erano più avute notizie: era fuggito in Scozia. A lungo il giovane ha negato il suo coinvolgimento nell’omicidio, fino alla confessione di oggi.

La foto che li ritrae insieme, pubblicata dai mass media di tutto il mondo, è stata scattata poco prima dell’omicidio e condivisa sul social. A aiutare le forze dell’ordine nelle ricerche sono stati gli amici della vittima anche grazie a Facebook.

Ora il ragazzo rischia l’ergastolo.