diredonna network
logo
Stai leggendo: Maltempo: altri morti e dispersi nella Penisola

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Maltempo: altri morti e dispersi nella Penisola

Il maltempo perseguita il Sud Italia e aumenta il numero di vittime.
(foto:Web)
(foto:Web)

Continua il mal tempo nel Sud Italia e aumenta, purtroppo, il numero delle vittime.
Una donna è annegata a Pescara dopo essere finita in un sottopassaggio con la sua automobile;
un giovane invece è stato travolto da un’onda mentre pescava sulle rive di un fiume in Calabria;
il macchinista di un treno deragliato in Puglia si trova in gravissime condizioni dopo il cedimento della linea ferroviaria Foggia-Potenza, causato dalla pioggia incessante.

Allagamenti, strade interrotte, treni, buio e gelo, il maltempo continua a fare vittime.
La donna morta nel sottopassaggio, Maria Manicini, 57 anni, ha contattato il marito con il telefonino chiedendogli aiuto perchè rimasta intrappolata, ma l’acqua l’ha circondata e uccisa. Il suo percorso sulla Peugeot è stato filmato dalle telecamere del Comune.
Sempre a Pescara oltre un migliaio di persone sono state fatte evacuare dal Villaggio Alcione a causa dell’ingrossamento del fiume. L’onda anomala di un altro fiume ha travolto e ucciso l’uomo che pescava alla foce del Crati, a Rossano Calabro: ferito ma salvo il suocero 53enne che l’accompagnava. A Polignano, un pullman granturismo è finito fuori strada per colpa della pioggia, restando in bilico sulle ringhiere del ponte di lama Monachile: l’autista si è salvato solo perché il mezzo non è precipitato nel vuoto e grazie alle prodezze dei vigili del fuoco.
In ginocchio gli agricoltori di Taranto, territorio devastato nelle Marche (due ponti crollati), vento forte in Maremma, tracimato il lago Pelino, a Capri le strade delle botteghe dei vip sono diventate torrenti, scuole chiuse oggi in molti comuni dell’Abruzzo mentre riaprono nella Calabria martoriata da un’alluvione, finita però solo marginalmente su giornali e tv ma di proporzioni simili a quella della Sardegna.
15 bimbi sono stati tratti in salvo da un asilo nel Teramano minacciato da una frana.

Purtroppo lo scenario non cambia e bisogna solo continuare a sperare nel meglio.