diredonna network
logo
Stai leggendo: Hunger Games: la ragazza di fuoco.

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

Pappa e Ciccia sta per tornare con una nuova stagione e sì, ci sono tutti

Non c'è pace per i fan di Grey's Anatomy: Shonda Rhimes colpisce ancora!

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

"Povero" Johnny Depp: "Ecco come spende 2 milioni di dollari al mese"

Hunger Games: la ragazza di fuoco.

Sicuramente il film più pubblicizzato degli ultimi due anni, non ha bisogno di un ulteriore recensione positiva alle già diverse che ha collezionato. E’ il lungometraggio più atteso degli ultimi mesi. Già record di incassi negli USA. In italia non ancora uscito, ma già i cinefili più coraggiosi (forse ispirati dallo stesso film) l’hanno già visto in lingua originale. E sta acquisendo più fans di giorno in giorno.
fonte: comicsoon.it
fonte: comicsoon.it

È forse la saga più seguita, dopo Star Wars, il Signore degli Anelli e Twilight. Il secondo film è la ben riuscita di una buona regia e di un buon cast. Il “direttore d’orchestra”, Francis Lawrence dirige brillantemente la vicenda, non facile da condurre, ma con alle spalle film come “Io sono Leggenda” o “come Acqua per gli elefanti” o il primo capitolo di Hunger Games, è chiaro che non abbiamo a che fare con un novellino.

Ha saputo ben motivare il cast, già ben motivato come si nota dal primo capitolo. Ma nel secondo film la troupe, costellata da stelle di Hollywood come Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Lenny Kravitz, (e stiamo parlando solo dei personaggi secondari), si presenta ancora più convinto nel suo ruolo, e i protagonisti davvero prendono vita, ed è come vedere il film in 3D, come se tutto ciò ti accadesse intorno. Tra gli attori  principali, che non hanno di certo bisogno di presentazione, ritroveremo Katniss, la magnifica vincitrice dell’oscar Jennifer Lawrence (nessuna parentela con il regista), con il suo partner Josh Hutcherson, Peeta nel film e “l’altro suo partner” Liam Hemsworth, oltre a coinvolgerci nel loro triangolo amoroso, ci porteranno di nuovo alle prese con il mondo di Hunger Games, dove guerra, paura e coraggio dimorano nell’America del nord, in un epoca futura non meglio identificata. Capitol City si riempie di nuovo di parrucconi, festosità e teatralità per festeggiare i 75 anni dei giochi (sadici) annuali. Quindi i protagonisti, dovranno combattere con i superstiti di tutti gli Hunger Games degli ultimi anni, ritrovandosi ad affrontare nuovi pericoli e nuovi nemici, tutti con un unico scopo: la sopravvivenza. Detto così sembra quasi che sia solo un film di guerra con un accenno ad una storia d’amore problematica, ma il lungometraggio è contornato da differenti tematiche: oltre al conflitto per la conservazione, si parlerà anche di amor proprio, di discriminazione e isolamento, sontuosità e ricchezza per il regime, miseria e disperazione per il popolo.  E, disseminato per tutto il film, gli anticipi di una rivolta in cui prenderanno parte tutti i dodici distretti. Sicuramente, lo spettatore più attento, noterà come tematica anche la pesante satira che si nasconde durante tutta la pellicola, in cui si critica soprattutto la mentalità da reality dove tutto ciò che conta sono gl’indici d’ascolto.  A quel punto ci accorgeremo di come Katniss,  incarnerà la metafora di giustizia e speranza, suscitando emulazione nella popolazione.

Che dire, sicuramente questo film è uno dei pochi che lascia qualcosa ai fan più giovani, rispetto a quello che di solito la tv nazionale ingurgita loro, e mi riferisco alle trame più banali e superficiali.

Per chi non lo sapesse, l’omonimo libro viene ripreso da un manga giapponese “battle royale”, di Koushun Takami con protagonisti e trama orientale, conduce una storia più sanguinosa e meno sentimentale che Hunger Games. E poi, c’è bisogno di dire che ci sono modi e modi di condurre una trama, anche se già pronta. Contano molto, effetti speciali e colonna sonora, che nel film fungono da ciliegina sulla torta. Perciò invito caldamente tutti coloro che non l’hanno ancora fatto, a interessarsi sia dei libri della saga, scritti dalla bravissima Susann Collins, e anche alla saga. Scommetto che poi resterete tutti in attesa per il terzo ed ultimo film. Vi anticipo che non solo lo stesso regista e il personale tecnico sono già alla 3^ settimana di ripresa, ma il terzo film sarà anche diviso in due film. Proprio come l’ultimo capitolo di Harry Potter e Breaking Dawn.
Quindi trovate il cinema più vicino e…. buona visione!