diredonna network
logo
Stai leggendo: Fabrizio Corona ha tentato il suicidio in carcere

Chester Bennington, il messaggio del figlio 15enne sul suicidio

La moglie di Chester Bennington: "I pensieri suicidi erano lì, ma tu non lo sapevi"

I messaggi di Michelle Carter, accusata di omicidio per aver spinto il fidanzato al suicidio

Perché in Giappone molti ragazzi si suicidano il 1° settembre

Chester Bennington, parla la ex moglie: "Disgustata dai funerali"

"Sei la donna più forte che conosca": la dolce lettera di Serena Williams alla madre

Olivia Newton-John, la Sandy di Grease: "Il tumore è tornato, ma andrà bene"

Victoire Dauxerre: "Una top model muore lentamente. Ero una morta che camminava"

Sabrina Vita da Strega, pronte per il reboot?

Gli Harry Potter Studios cercano personale: sfoderate le vostre bacchette

Fabrizio Corona ha tentato il suicidio in carcere

Fabrizio Corona ha tentato il suicidio: una notizia shock che mostra un ex re dei paparazzi depresso e molto debole.
(Foto:web)
(Foto:web)

Sul settimanale Oggi, in edicola in questi giorni, ci si interroga sulle motivazioni che hanno spinto Fabrizio Corona a tentare il suicidio. 
Pare infatti che la notte del 19 ottobre, nel carcere di Opera, Fabrizio Corona abbia tentato di soffocarsi coprendosi naso e bocca con dei cerotti.

Un episodio finora coperto dal massimo riserbo. Il re dei paparazzi, secondo fonti confidenziali, sta attraversando un periodo di depressione.
Non è chiaro se si sia trattato di un tentato suicidio o di un gesto dimostrativo, ma secondo la ricostruzione del settimanale, avrebbe reso necessario il ricovero di Corona nell’infermeria dell’istituto milanese, per sottoporlo a un trattamento a base di sedativi e per medicargli le ferite provocate dai soccorritori quando gli hanno strappato i cerotti dal volto.
Corona non riesce a farsi una ragione di una condanna troppo grande per le reali responsabilità.
Non vuole più incontrare nessuno, è depresso e assume psicofarmaci.

Dopo esser stato dimesso, Corona non sarebbe più rientrato nella cella che divideva con altri tre detenuti e la direzione del carcere gli avrebbe assegnato una cella dove è solo.
Ora sta meglio e sta scrivendo un libro autobiografico.