diredonna network
logo
Stai leggendo: Fabrizio Corona ha tentato il suicidio in carcere

"Perdonatemi, mamma e papà, se potete": la lettera di Michele, 30 anni, suicida per colpa del precariato

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Fabrizio Corona ha tentato il suicidio in carcere

Fabrizio Corona ha tentato il suicidio: una notizia shock che mostra un ex re dei paparazzi depresso e molto debole.
(Foto:web)

Sul settimanale Oggi, in edicola in questi giorni, ci si interroga sulle motivazioni che hanno spinto Fabrizio Corona a tentare il suicidio. 
Pare infatti che la notte del 19 ottobre, nel carcere di Opera, Fabrizio Corona abbia tentato di soffocarsi coprendosi naso e bocca con dei cerotti.

Un episodio finora coperto dal massimo riserbo. Il re dei paparazzi, secondo fonti confidenziali, sta attraversando un periodo di depressione.
Non è chiaro se si sia trattato di un tentato suicidio o di un gesto dimostrativo, ma secondo la ricostruzione del settimanale, avrebbe reso necessario il ricovero di Corona nell’infermeria dell’istituto milanese, per sottoporlo a un trattamento a base di sedativi e per medicargli le ferite provocate dai soccorritori quando gli hanno strappato i cerotti dal volto.
Corona non riesce a farsi una ragione di una condanna troppo grande per le reali responsabilità.
Non vuole più incontrare nessuno, è depresso e assume psicofarmaci.

Dopo esser stato dimesso, Corona non sarebbe più rientrato nella cella che divideva con altri tre detenuti e la direzione del carcere gli avrebbe assegnato una cella dove è solo.
Ora sta meglio e sta scrivendo un libro autobiografico.