diredonna network
logo
Stai leggendo: Maltempo: arriva l’inverno e la neve

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Maltempo: arriva l'inverno e la neve

In arrivo il gelo e la neve anche a bassa quota.
(foto:Web)

L’Italia nella morsa del gelo per colpa del ciclone Attila.
Le temperature scendono improvvisamente di 10 gradi e il freddo polare interesserà sia il nord che il sud, con pioggia, gelate e neve anche a bassa quota.

E intanto sono già un milione gli italiani a letto con l’influenza.
Per tutta settimana, con un picco tra oggi e mercoledì, le massime non supereranno i 6°al Nord e al Centro e di notte si arriverà anche sotto zero.

“Si tratta – spiega Antonio Sanò de Ilmeteo.it – di un nucleo gelido dall’artico con nevicate diffuse sulle coste adriatiche centrali e gelo intenso notturno con venti freddi di tramontana e di bora sulle regioni centrali, dove nevicherà fin sulle coste adriatiche, dalle Marche meridionali fino a tutta la Puglia. Neve copiosa anche in Abruzzo e piogge anche sulle coste settentrionali della Sicilia con neve a 600 metri”.

Quest’anomalia porta diversi problemi di salute:
“Si ammalano 120-130 mila persone in più ogni settimana – spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano – a causa dei virus parainfluenzali che portano tosse, mal di gola, raffreddori vari e una febbre che non supera i 38 gradi. Per ora ne sono stati colpiti oltre 900 mila italiani. È chiaro che, se il freddo davvero dovesse rimanere per tutta la settimana, potremmo vedere arrivare in anticipo anche l’influenza vera e propria. A metà dicembre e non a fine anno come inizialmente previsto. La stagione influenzale sarà vivace, con 4,5 milioni di ammalati: conviene quindi vaccinarsi per tempo, senza aspettare che il virus sia già epidemia. Servono 10 giorni, infatti, perché faccia effetto.