diredonna network
logo
Stai leggendo: Prendere la pillola contraccettiva per 3 anni: ecco i rischi

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Prendere la pillola contraccettiva per 3 anni: ecco i rischi

Prendere la pillola contraccettiva per anni è molto rischioso per la salute: ecco i rischi.
(www.angolodonne.it )

Prendendo la pillola anticoncezionale per 3 anni le donne corrono un pericolo molto alto per la loro salute.

Secondo un nuovo studio, infatti, queste donne sembrano avere il doppio delle probabilità di soffrire di una patologia oculare, che può anche portare alla cecità.

Questa ricerca ha sottolineato che la pillola, se presa per anni, può portare a contrarre il glaucoma.

“Questo studio dovrebbe spingere la ricerca futura a dimostrare la causa e l’effetto dei contraccettivi orali e il glaucoma. A questo punto, le donne che hanno assunto contraccettivi orali, per tre o più anni, dovrebbero essere sottoposte a screening per il glaucoma e seguite da un oculista”.

Commenta il dottor Shan Lin, dell’Università della California a San Francisco.

Lo studio è stato condotto su 3.406 partecipanti, di sesso femminile, dai 40 anni in su, che hanno compilato un questionario sulla salute riproduttiva e degli occhi e che sono state sottoposte a visite oculistiche.

I risultati sono stati presentati al 117° meeting annuale della American Academy of Ophthalmology a New Orleans.