diredonna network
logo
Stai leggendo: Torta dolce al doppio cioccolato e mandorle o torta Valentina

7 scarpe che dovreste comprare durante i saldi (perché saranno di moda anche l'anno prossimo)

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

I tweet scioccanti dell'ex ragazzo della terza C

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Torta dolce al doppio cioccolato e mandorle o torta Valentina

Una torta golosa e con dedica che strizza l’occhio alla tradizione ma non rinucia a un tocco contemporaneo.
Bozza automatica

La ricetta della nonna da un lato e una farcia veloce ma ispirata dall’altra. La ricetta della nonna è quella della “pizza dolce”, il tipico dolce abruzzese della domenica, tradizionalmente farcito con crema gialla, crema al cioccolato e l’immancabile bagna di alchermes. Il tocco contemporaneo – soprattutto per la velocità di esecuzione – è dato da una farcia di panna, mandorle e crema spalmabile al cioccolato bianco e mandorle: una farcitura dolce e golosa da stemperare con le gocce di cioccolato fondente.

Un dolce-torta che si può facilmente mangiare con le mani perché appena bagnata con dell’alchermes, in grado di sopravvivere senza smontarsi ai trasbordi nella metro affollata e in grado di distrarre dal super-lavoro anche i colleghi più stakanovisti.

Preferite dolci più moderni o più tradizionali? Nel primo caso vi consigliamo l’inimitabile torta kinder pinguì, mentre nel secondo caso potete preparare una buonissima torta allo yogurt!

Tradizione e dolcezza per la nostra Vale a cui vanno torta e auguri!

 

Per la base:

  •  5 Uova
  • 120 gr. di zucchero
  • 100 gr. di farina + 25 di fecola (oppure 125 di farina)
  • 1 bacca di vaniglia
  • lievito per dolci (consigliato per una maggiore lievitazione ma non indispensabile)

Per la farcitura:

  • 250 ml di panna (va bene anche quella vegetale)
  • 3 cucchiai di crema spalmabile al cioccolato bianco e mandorle dolci
  • 3 cucchiai di farina di mandorle (o mandorle amare spellate e tritate finemente)
  • 2 manciate (abbondanti) di gocce di cioccolato fondente
  • cacao amaro q.b.
  • alchermes q.b.

 

Procedimento:

  1. Per prima cosa preparate la base separando i tuorli dagli albumi; montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso e aggiungete gradualmente la farina e la vaniglia. In un’altra ciotola montate i bianchi a neve ferma.
    Bozza automatica
  2. Bozza automatica
  3. Con una frusta a mano inglobate gli albumi al composto mescolando dolcemente e non troppo, dall’alto verso il basso. Il risultato finale sarà un composto spumoso e leggero.
    Bozza automatica
  4.  Foderate una tortiera di circa 24/26 cm con carta forno, versate e livellate il composto; fate cuocere per circa 25 minuti nel forno preriscaldato a 170°. La torta sarà pronta quando sarà ben lievitata e dorata in superficie. A fine cottura aprite leggermente il forno e fate raffreddare con gradualità.
  5.  Nel frattempo preparate la farcia. Montate la panna, aggiungete la crema spalmabile al cioccolato bianco e la farina di mandorle, mescolate con delicatezza finché gli ingredienti non saranno ben amalgamati. Riponete in frigo per farla rapprendere un po’.
  6.  Una volta che la torta sarà raffreddata, tagliatela in due orizzontalmente, bagnatela con dell’alchermes, ricoprite uno strato di farcia e aggiungete una manciata generosa di gocce di cioccolata e ricoprite con l’altro strato. Spolverizzate la vostra torta dolce con del cioccolato amaro. 
    Bozza automatica
  7. Bozza automatica