diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria De Filippi “divorzia” da Mediaset.

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

Melinda Gates: "Perché dobbiamo sostenere e pretendere il controllo delle nascite"

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Il tema del Met Gala 2018 è davvero molto molto controverso

La vampiretta è arrivata: per Nikki Reed e Ian Somerhalder è tempo di coccole

Google shock: "Donne biologicamente diverse, per questo lavoro meglio gli uomini"

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Maria De Filippi "divorzia" da Mediaset.

Maria De Filippi e "Amici" abbandonano Mediaset.Problemi tra l'autrice e l'azienda?!
(foto:Web)
(foto:Web)

Maria De Filippi ha deciso di lasciare Mediaset e questa notizia è abbastanza sconvolgente. Pare infatti che ci siano parecchi problemi tra l’autrice del talent show “Amici” e l’azienda.

Come fa sapere “La Repubblica” infatti il talent condotto da Maria de Filippi potrebbe sdoppiarsi e finire (per la parte delle lezioni quotidiane e la relativa striscia) su Real Time. Maria dovrebbe rimanere a Mediaset fino alla fine del suo contratto, avendo dato l’esclusiva alle reti di Silvio Berlusconi, ma i rumors su un suo abbandono si fanno sempre più insistenti.

“L’anno scorso – fa sapere il giornale diretto da Eugenio Scalfari – Amici ha fatto risparmiare 700 milioni di euro abolendo semifinale e finale all’Arena di Verona, progetto accarezzato dalla De Filippi. Quest’anno i vertici avrebbero chiesto di stringere ancora di più la cinghia, proposta che avrebbe portato la conduttrice a rivolgersi a Marinella Soldi, manager d’acciaio di Discovery che ha fatto crescere il network trasformandolo nel terzo operatore della tv in chiaro”. I manager Publitalia naturalmente sarebbero già in crisi per via dei possibili introiti pubblicitari che passerebbero alla concorrenza.