diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria De Filippi “divorzia” da Mediaset.

Grey's Anatomy, 13esima stagione: finalmente le nuove puntate! Da dove si riparte

Caso Leotta a Sanremo: se per parlare di cyberbullismo tocca mettere un "vestito adatto"

Grey's Anatomy e il cast decimato: pronti per un altro addio?

Oroscopo dal 2 all'8 marzo - Come sopravvivere alle stelle

L'eutanasia e il rispetto per la vita: finalmente dj Fabo è morto, ora lui è libero, noi no

Nokia 3310, ecco il nuovo modello del cellulare della nostra adolescenza e sì, c'è anche Snake

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Trench: storia di un capo senza tempo!

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Maria De Filippi "divorzia" da Mediaset.

Maria De Filippi e "Amici" abbandonano Mediaset.Problemi tra l'autrice e l'azienda?!
(foto:Web)

Maria De Filippi ha deciso di lasciare Mediaset e questa notizia è abbastanza sconvolgente. Pare infatti che ci siano parecchi problemi tra l’autrice del talent show “Amici” e l’azienda.

Come fa sapere “La Repubblica” infatti il talent condotto da Maria de Filippi potrebbe sdoppiarsi e finire (per la parte delle lezioni quotidiane e la relativa striscia) su Real Time. Maria dovrebbe rimanere a Mediaset fino alla fine del suo contratto, avendo dato l’esclusiva alle reti di Silvio Berlusconi, ma i rumors su un suo abbandono si fanno sempre più insistenti.

“L’anno scorso – fa sapere il giornale diretto da Eugenio Scalfari – Amici ha fatto risparmiare 700 milioni di euro abolendo semifinale e finale all’Arena di Verona, progetto accarezzato dalla De Filippi. Quest’anno i vertici avrebbero chiesto di stringere ancora di più la cinghia, proposta che avrebbe portato la conduttrice a rivolgersi a Marinella Soldi, manager d’acciaio di Discovery che ha fatto crescere il network trasformandolo nel terzo operatore della tv in chiaro”. I manager Publitalia naturalmente sarebbero già in crisi per via dei possibili introiti pubblicitari che passerebbero alla concorrenza.