diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria De Filippi “divorzia” da Mediaset.

Siete pronte per il ritorno di Sandra Oh?

Gossip girl revival? Blake Lively dice sì, ma c'è chi dice no

Batteri fecali nel ghiaccio dei drink da Costa, Caffè Nero e Starbucks

Cacciata dalla piscina per il costume che indossa, il fidanzato si sfoga su Facebook

"Cosa mi ha insegnato il suicidio di mia mamma"

Da Chiara Ferragni a Mila Kunis: brutta bestia l'invidia dei frustrati

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Giurarsi amore eterno con gli anelli con le impronte digitali

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Maria De Filippi "divorzia" da Mediaset.

Maria De Filippi e "Amici" abbandonano Mediaset.Problemi tra l'autrice e l'azienda?!
(foto:Web)
(foto:Web)

Maria De Filippi ha deciso di lasciare Mediaset e questa notizia è abbastanza sconvolgente. Pare infatti che ci siano parecchi problemi tra l’autrice del talent show “Amici” e l’azienda.

Come fa sapere “La Repubblica” infatti il talent condotto da Maria de Filippi potrebbe sdoppiarsi e finire (per la parte delle lezioni quotidiane e la relativa striscia) su Real Time. Maria dovrebbe rimanere a Mediaset fino alla fine del suo contratto, avendo dato l’esclusiva alle reti di Silvio Berlusconi, ma i rumors su un suo abbandono si fanno sempre più insistenti.

“L’anno scorso – fa sapere il giornale diretto da Eugenio Scalfari – Amici ha fatto risparmiare 700 milioni di euro abolendo semifinale e finale all’Arena di Verona, progetto accarezzato dalla De Filippi. Quest’anno i vertici avrebbero chiesto di stringere ancora di più la cinghia, proposta che avrebbe portato la conduttrice a rivolgersi a Marinella Soldi, manager d’acciaio di Discovery che ha fatto crescere il network trasformandolo nel terzo operatore della tv in chiaro”. I manager Publitalia naturalmente sarebbero già in crisi per via dei possibili introiti pubblicitari che passerebbero alla concorrenza.