diredonna network
logo
Stai leggendo: Maria De Filippi “divorzia” da Mediaset.

"Anna dai capelli rossi" diventa una serie tv e ha il volto di questa bambina

Adriana Volpe VS Magalli: la lite dalla TV passa ai social

"Ieri mi ha detto che sono bellissima": la lettera della moglie malata al marito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Blu Niagara, il colore dei matrimoni e della primavera 2017

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Maria De Filippi "divorzia" da Mediaset.

Maria De Filippi e "Amici" abbandonano Mediaset.Problemi tra l'autrice e l'azienda?!
(foto:Web)

Maria De Filippi ha deciso di lasciare Mediaset e questa notizia è abbastanza sconvolgente. Pare infatti che ci siano parecchi problemi tra l’autrice del talent show “Amici” e l’azienda.

Come fa sapere “La Repubblica” infatti il talent condotto da Maria de Filippi potrebbe sdoppiarsi e finire (per la parte delle lezioni quotidiane e la relativa striscia) su Real Time. Maria dovrebbe rimanere a Mediaset fino alla fine del suo contratto, avendo dato l’esclusiva alle reti di Silvio Berlusconi, ma i rumors su un suo abbandono si fanno sempre più insistenti.

“L’anno scorso – fa sapere il giornale diretto da Eugenio Scalfari – Amici ha fatto risparmiare 700 milioni di euro abolendo semifinale e finale all’Arena di Verona, progetto accarezzato dalla De Filippi. Quest’anno i vertici avrebbero chiesto di stringere ancora di più la cinghia, proposta che avrebbe portato la conduttrice a rivolgersi a Marinella Soldi, manager d’acciaio di Discovery che ha fatto crescere il network trasformandolo nel terzo operatore della tv in chiaro”. I manager Publitalia naturalmente sarebbero già in crisi per via dei possibili introiti pubblicitari che passerebbero alla concorrenza.