diredonna network
logo
Stai leggendo: Anna Tatangelo: “Prima di Andrea un aborto. Ero depressa”

La risposta di Meghan a chi le chiede se sposerà il principe Harry

"Jennifer, perdonami": Brad Pitt chiede scusa alla Aniston

Adam Levine, la dichiarazione d'amore alla moglie tatuata sulla pelle

"Sembri un Trans, ti sei rifatta il c...". Nina Moric rinviata a giudizio per gli insulti a Belen

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Anna Tatangelo: "Prima di Andrea un aborto. Ero depressa"

Anna Tatangelo è giovanissima ma con una vita ricca di esperienze sia positive che negative e tra le pagina di Vanity Fair si sfoga e racconta di come ha perso un bambino prima di avere il suo Andrea.
(foto:Web)
(foto:Web)

Anna Tatangelo si sfoga sulle pagine di Vanity Fair:

Quando eravamo in Sardegna i paparazzi ci stavano addosso. Se in spiaggia non sorridi, è “il broncio della storia agli sgoccioli” invece…”. La giovane cantante, sposata a Gigi D’Alessio, racconta di non aver nessun problema con il marito ma di aver passato un periodo decisamente negativo nella sua vita.

A ventisei anni è una giovane mamma “Sembro più una sorella. Le mani non le alzo mai, ma ci sono le regole da rispettare. Forse perché sono cresciuta in una famiglia molto rigida” e confida quel forte trauma subito prima della nascita di Andrea: “Mai stata così male. Alla sesta settimana già pensavo al colore del corredo. Invece l’embrione non si era nemmeno formato, era un “ovulo bianco”. Dopo il raschiamento, chiusa al buio, non volevo vedere nessuno. Pensavo: “Dove ho sbagliato?”. Un mese dopo ero di nuovo incinta”.

Una storia come tante. Un rispetto però negato quando sei un personaggio pubblico. Dovremmo riflettere e scrivere meno cattiverie gratuite.