diredonna network
logo
Stai leggendo: Anna Tatangelo: “Prima di Andrea un aborto. Ero depressa”

Coppie scoppiate? Ballo hot per Emma e Stefano, Fedez e Ferragni si lasciano?

Photoshop o no? Il mistero della gamba di Mara Venier e del capezzolo di Liam Payne

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Blu Niagara, il colore dei matrimoni e della primavera 2017

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

Anna Tatangelo: "Prima di Andrea un aborto. Ero depressa"

Anna Tatangelo è giovanissima ma con una vita ricca di esperienze sia positive che negative e tra le pagina di Vanity Fair si sfoga e racconta di come ha perso un bambino prima di avere il suo Andrea.
(foto:Web)

Anna Tatangelo si sfoga sulle pagine di Vanity Fair:

Quando eravamo in Sardegna i paparazzi ci stavano addosso. Se in spiaggia non sorridi, è “il broncio della storia agli sgoccioli” invece…”. La giovane cantante, sposata a Gigi D’Alessio, racconta di non aver nessun problema con il marito ma di aver passato un periodo decisamente negativo nella sua vita.

A ventisei anni è una giovane mamma “Sembro più una sorella. Le mani non le alzo mai, ma ci sono le regole da rispettare. Forse perché sono cresciuta in una famiglia molto rigida” e confida quel forte trauma subito prima della nascita di Andrea: “Mai stata così male. Alla sesta settimana già pensavo al colore del corredo. Invece l’embrione non si era nemmeno formato, era un “ovulo bianco”. Dopo il raschiamento, chiusa al buio, non volevo vedere nessuno. Pensavo: “Dove ho sbagliato?”. Un mese dopo ero di nuovo incinta”.

Una storia come tante. Un rispetto però negato quando sei un personaggio pubblico. Dovremmo riflettere e scrivere meno cattiverie gratuite.