diredonna network
logo
Stai leggendo: Anna Tatangelo: “Prima di Andrea un aborto. Ero depressa”

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Equinozio di Primavera: perché era ieri e 5 rituali magici per godere dei suoi influssi

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Anna Tatangelo: "Prima di Andrea un aborto. Ero depressa"

Anna Tatangelo è giovanissima ma con una vita ricca di esperienze sia positive che negative e tra le pagina di Vanity Fair si sfoga e racconta di come ha perso un bambino prima di avere il suo Andrea.
(foto:Web)

Anna Tatangelo si sfoga sulle pagine di Vanity Fair:

Quando eravamo in Sardegna i paparazzi ci stavano addosso. Se in spiaggia non sorridi, è “il broncio della storia agli sgoccioli” invece…”. La giovane cantante, sposata a Gigi D’Alessio, racconta di non aver nessun problema con il marito ma di aver passato un periodo decisamente negativo nella sua vita.

A ventisei anni è una giovane mamma “Sembro più una sorella. Le mani non le alzo mai, ma ci sono le regole da rispettare. Forse perché sono cresciuta in una famiglia molto rigida” e confida quel forte trauma subito prima della nascita di Andrea: “Mai stata così male. Alla sesta settimana già pensavo al colore del corredo. Invece l’embrione non si era nemmeno formato, era un “ovulo bianco”. Dopo il raschiamento, chiusa al buio, non volevo vedere nessuno. Pensavo: “Dove ho sbagliato?”. Un mese dopo ero di nuovo incinta”.

Una storia come tante. Un rispetto però negato quando sei un personaggio pubblico. Dovremmo riflettere e scrivere meno cattiverie gratuite.