diredonna network
logo
Stai leggendo: Più di 10mila Url tatuati sul corpo: record mondiale e beneficenza.

Tatuaggi: se tornassi indietro non li rifarei, 5 storie di chi si è pentito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Più di 10mila Url tatuati sul corpo: record mondiale e beneficenza.

Pat Vaillancourt, ragazzo canadese, è riuscito ad entrare nella classifica dei record mondiali tatuando sul suo corpo più di 10mila Url e indirizzi di siti internet. Grazie a questa sua iniziativa, è riuscito ad aiutare le popolazioni che sono state colpite dal forte terremoto nel 2010.
Fonte: Web

Avete intenzione di stabilire un nuovo record mondiale ma non avete nessuna particolare abilità, passione o caratteristica? Potreste prendere esempio da questo giovane ragazzo canadese.

Pat Vaillancourt, infatti, ha deciso di stabilire un nuovo record mondiale tatuandosi delle frasi molto particolari: sulla sua pelle sono tatuati più di 10mila URL. Prima di intraprendere questa strana avventura disse: “Voglio battere un record del mondo, ma ancor prima voglio essere utile per il prossimo!”.

Migliaia di aziende e persone hanno chiesto al giovane canadese di tatuare vari marchi pubblicitari e URL di siti internet: gli imprenditori possono pagare 35 euro per ottenere il loro URL tatuato sulla schiena.

Metà di tutti i ricavati finiscono nelle tasche di Pat e l’altrà metà viene devoluta in beneficenza per aiutare le popolazioni di Haiti e della Somalia.

Pat, dopo aver superato la soglia dei 10mila tatuaggi, afferma di avere ancora molte richieste da parte delle aziende che hanno già dato la loro disponibilità a pagare per avere il proprio URL.

Ma non solo le aziende hanno aderito a questa iniziativa: molte persone infatti, hanno chiesto un tatuaggio con il proprio link del profilo Facebook o del profilo Twitter. Anche se d’impatto può sembrare una decisione davvero stravagante, bisogna riconoscere che Pat ha deciso di aiutare le popolazioni in difficoltà. Una scelta davvero esemplare, non credete?