diredonna network
logo
Stai leggendo: Ivana Spagna: “Sono stata aggredita e picchiata”

L'eutanasia e il rispetto per la vita: finalmente dj Fabo è morto, ora lui è libero, noi no

Nokia 3310, ecco il nuovo modello del cellulare della nostra adolescenza e sì, c'è anche Snake

Grey's Anatomy, 13esima stagione: finalmente le nuove puntate! Da dove si riparte

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Trench: storia di un capo senza tempo!

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Ivana Spagna: "Sono stata aggredita e picchiata"

Ivana Spagna racconta la sua terribile esperienza di aggressione e indifferenza.
(foto:Web)

Vado avanti a pasticche e continuo a raddoppiare la dose, come chiudo gli occhi, vedo questa montagna che mi viene addosso. Ho la sensazione di essere sola, ho grande fiducia nelle forze dell’ordine ma poi questi delinquenti dopo due giorni escono”.

Si sfoga Ivana Spagna, la famosa cantante italiana molto celebre negli anni ’80 e ’90. La donna è rimasta vittima di un’aggressione recentemente: “Mi sono trovata nella zona che costeggia la Fiera,  c’era un semaforo rosso, mi sono fermata e ho sentito una botta contro la macchina. Un uomo si copriva il viso dicendo “Scusi, non l’avevo vista”: io mi sono preoccupata per lui perché mi diceva che si era fatto male. Ho accostato e ho pensato a lui come una cretina”.

Tutto però era una trappola. 
“Ho aperto la portiera e un’altra persona si è fiondata dentro la macchina. Mi ha preso l’orologio ma faceva fatica a tirarlo a causa del cinturino. Io mi difendevo con i calci ma lui ha risposto con pugni e gomitate. Mi teneva per il collo e io gli ho anche dato un morso. È stata una lotta. Ho urlato: “Aiutatemi!”. E’ durata un bel po’.

Tanti i passanti, ma nessun aiuto.

“La gente ha paura. Li capisco. Io ho sempre dato una mano. D’ora in poi se qualcuno mi batter sul vetro io non mi fermo, chiamerò i Carabinieri”.