diredonna network
logo
Stai leggendo: Ivana Spagna: “Sono stata aggredita e picchiata”

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Equinozio di Primavera: perché era ieri e 5 rituali magici per godere dei suoi influssi

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Ivana Spagna: "Sono stata aggredita e picchiata"

Ivana Spagna racconta la sua terribile esperienza di aggressione e indifferenza.
(foto:Web)

Vado avanti a pasticche e continuo a raddoppiare la dose, come chiudo gli occhi, vedo questa montagna che mi viene addosso. Ho la sensazione di essere sola, ho grande fiducia nelle forze dell’ordine ma poi questi delinquenti dopo due giorni escono”.

Si sfoga Ivana Spagna, la famosa cantante italiana molto celebre negli anni ’80 e ’90. La donna è rimasta vittima di un’aggressione recentemente: “Mi sono trovata nella zona che costeggia la Fiera,  c’era un semaforo rosso, mi sono fermata e ho sentito una botta contro la macchina. Un uomo si copriva il viso dicendo “Scusi, non l’avevo vista”: io mi sono preoccupata per lui perché mi diceva che si era fatto male. Ho accostato e ho pensato a lui come una cretina”.

Tutto però era una trappola. 
“Ho aperto la portiera e un’altra persona si è fiondata dentro la macchina. Mi ha preso l’orologio ma faceva fatica a tirarlo a causa del cinturino. Io mi difendevo con i calci ma lui ha risposto con pugni e gomitate. Mi teneva per il collo e io gli ho anche dato un morso. È stata una lotta. Ho urlato: “Aiutatemi!”. E’ durata un bel po’.

Tanti i passanti, ma nessun aiuto.

“La gente ha paura. Li capisco. Io ho sempre dato una mano. D’ora in poi se qualcuno mi batter sul vetro io non mi fermo, chiamerò i Carabinieri”.