diredonna network
logo
Stai leggendo: Jennifer E La Sua Lotta Contro Il Cancro Al Seno Attraverso Le Foto Del Marito

"Sei la mia anima gemella e hai preso il mio cuore quando te ne sei andato". Lo straziante messaggio della fidanzata di Hayden

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Jennifer E La Sua Lotta Contro Il Cancro Al Seno Attraverso Le Foto Del Marito

Angelo Merendino fotografa la moglie malata di cancro, dalla caduta dei capelli alla sofferenza vissuta in un letto. Un marito che ha voluto documentare anche gli aspetti più duri della malattia di sua moglie, morta a 40 anni.
foto:web
foto:web

Fermatevi, fermatevi per qualche istante.

Ogni tanto bisogna farlo, per restituire un senso a tutto.

Fermatevi ora, qualche istante a guardare queste foto.

“Straziante” è la prima parola che mi è venuta in mente, perché davvero, io non ho mai visto tanto amore e tanto muto strazio.

Anzi, pensavo che l’amore come lo strazio dovessero essere urlati, che dovessero straripare come un fiume in piena. Questo è il più grande fiume d’amore che si possa vedere.

Da un’altra prospettiva certo, dalla parte di chi vuole valorizzarlo fino alla fine. Che poi, sarebbe quello che dovrebbero fare tutti, cancro o no.

La storia di Angelo Merendino, fotografo americano e di sua moglie Jen, é quella di due ragazzi, che si scelgono, s’innamorano, si sposano a Central Park.

La loro vita cambia solo 5 mesi dopo, quando a Jen viene diagnosticato un tumore al seno.

“Ricordo il momento esatto…quella sensazione non mi ha più lasciato. Non dimenticherò mai il modo in cui ci guardammo negli occhi e ci prendemmo per mano. “Siamo insieme, staremo bene”.

Angelo decide di fotografare la loro vita dopo quel “momento esatto”, per far capire alle persone, amici e familiari, come la loro vita stesse cambiando.

“Con il progetto “My wife’s fight with breast cancer” voglio incoraggiare il dialogo. 

La mia speranza è che la nostra storia possa mostrare alle persone che non è necessario avere le risposte o avere sempre la cosa giusta da dire.

Ciò che conta è esserci.

Non scappare via”

Eh già, amare è esserci, non scappare via.

foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web
foto:web

“La prima volta che l’ho vista l’ho capito. Ho capito che lei era l’unica.

Sapevo, come mio padre dopo il primo incontro con mia madre, che l’avevo trovata“.