diredonna network
logo
Stai leggendo: Gay Hunter: il gioco dove bisogna uccidere i gay

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Gay Hunter: il gioco dove bisogna uccidere i gay

Il gioco è elementare nella sua evidente omofobia, i cacciatori sono vestiti e danno la caccia ai gay che invece sono completamenti nudi
fonte: giornalettismo.com

 

Circola da anni sul web, ma in questi ultimi giorni, complice anche la cronaca, sui social è partito il tam tam per chiederne la cancellazione.

È un gioco disponibile su Facebook che attualmente conta più di 5.300 giocatori mensili, tutti impegnati nell’uccidere i gay incontrano sulla propria strada. Già, perché purtroppo nella mente malata dei creatori di quell’applicazione, i gay vengono rappresentati come persone che si aggirano nude per i boschi violentando chiunque gli capiti a tiro, motivo per cui è necessario sparargli in faccia ed ucciderli se non si vogliono subire le loro molestie.

I suoi sostenitori scrivono: «È un gioco molto divertente che esiste da più di dieci anni e la popolazione gay potrà reagire in due modi: o odierà questo gioco o capiranno che è uno scherzo». Già… e che c’è di più divertente e scherzoso di uccidere delle persone perché gay? Non a caso nei commenti qualcuno risponde: «Prova a sostituire la parola “gay” con “nero” o “ebreo” e prova a chiedere loro se lo reputano divertente. Se diranno di no, allora capirai perché la comunità lgbt non può che considerarlo disgustoso e fastidioso»

A parer mio il gioco va cancellato subito e trovo sconfortante i comportamenti di alcune persona che da Auschwitz non hanno imparato niente.