diredonna network
logo
Stai leggendo: La vera mamma di Maria: “L’ho data ai Rom perchè non potevo mantenerla”

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

La vera mamma di Maria: "L'ho data ai Rom perchè non potevo mantenerla"

La vera madre di Maria, la bambina trovata in un campo Rom, si fa avanti: "L'ho data in adozione perchè non potevo mantenerla!"
(foto:Web)
(foto:Web)

 

Il sito greco Zougla ha pubblicato le foto della mamma della piccola Maria.

Una donna bulgara, Sasha Ruseva, di Burgas, e in questo modo gli investigatori sono risaliti anche alla data di nascita della bambina: 1 gennaio del 2009, a Lamia, in Grecia.

Ora la donna, che al momento del parto dichiarò di essere nubile ma che è in realtà sposata, vive in Bulgaria.
Arrestata nella località bulgara di Gurkovo, racconta di aver dato alla luce Maria in un ospedale di Lamia,  per poi affidarla alla coppia di rom con cui la piccola è stata trovata.
Un altro figlio di Sasha ha raccontato che la madre ha riconosciuto la piccola quando ha visto la sua immagine trasmessa dalla televisione. La polizia bulgara sta comunque conducendo ulteriori indagini per accertare con sicurezza se la Ruseva sia veramente la madre di Maria. La donna, come hanno riferito alcuni media, dopo il suo arresto da parte delle autorità di Gurkovo avrebbe detto: “Ho dato via mia figlia perchè non avevamo da mangiare”.

La piccola a questo punto sarà sottoposta al test del Dna.