diredonna network
logo
Stai leggendo: La vera mamma di Maria: “L’ho data ai Rom perchè non potevo mantenerla”

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

La vera mamma di Maria: "L'ho data ai Rom perchè non potevo mantenerla"

La vera madre di Maria, la bambina trovata in un campo Rom, si fa avanti: "L'ho data in adozione perchè non potevo mantenerla!"
(foto:Web)

 

Il sito greco Zougla ha pubblicato le foto della mamma della piccola Maria.

Una donna bulgara, Sasha Ruseva, di Burgas, e in questo modo gli investigatori sono risaliti anche alla data di nascita della bambina: 1 gennaio del 2009, a Lamia, in Grecia.

Ora la donna, che al momento del parto dichiarò di essere nubile ma che è in realtà sposata, vive in Bulgaria.
Arrestata nella località bulgara di Gurkovo, racconta di aver dato alla luce Maria in un ospedale di Lamia,  per poi affidarla alla coppia di rom con cui la piccola è stata trovata.
Un altro figlio di Sasha ha raccontato che la madre ha riconosciuto la piccola quando ha visto la sua immagine trasmessa dalla televisione. La polizia bulgara sta comunque conducendo ulteriori indagini per accertare con sicurezza se la Ruseva sia veramente la madre di Maria. La donna, come hanno riferito alcuni media, dopo il suo arresto da parte delle autorità di Gurkovo avrebbe detto: “Ho dato via mia figlia perchè non avevamo da mangiare”.

La piccola a questo punto sarà sottoposta al test del Dna.