diredonna network
logo
Stai leggendo: Allarme Meningite: gravissimo un diciannovenne

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Allarme Meningite: gravissimo un diciannovenne

È allarme meningite. L'Asl avvia un'indagine epidemiologica e somministra le profilassi dove opportuno.
(foto:Web)

Un ragazzo di 19 anni di Perugia è in gravissime condizioni per colpa della meningite. Una corsa disperata in ospedale e poi il trasferimento d’urgenza nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia.

“La direzione del presidio ospedaliero di Città di Castello comunica che lunedì è stato ricoverato un paziente affetto da Meningite da meningococco C complicato da CID.”comunica la Asl 1 attraverso il proprio ufficio stampa “A seguito degli accertamenti eseguiti nella serata di ieri, che hanno consentito di effettuare la diagnosi di meningite meningococcica, il paziente nella notte è stato prontamente trasferito presso l’unità operativa di Rianimazione dell’azienda ospedaliera di Perugia, dove si trova attualmente in prognosi riservata”.

Appena la comunicazione della diagnosi è stata ufficializzata, è stata avviata l’indagine epidemiologica finalizzata all’individuazione dei contatti, sia tra familiari che tra conoscenti e operatori sanitari. 

Dove opportuno sono state somministrate le prime profilassi. 

Le attività sono ancora in corso, come sottolinea l’Asl.