diredonna network
logo
Stai leggendo: Glee: la sesta stagione sarà l’ultima

Ignazio Moser svela il suo curriculum di donne (con voti) al GF Vip

Striscia la Notizia: i commenti razzisti sulla velina bionda

Grey's Anatomy 14: in arrivo un nuovo personaggio tutto italiano

X Factor: Manuel Agnelli annuncia le novità e Rovazzi "sostituisce" Fedez

Costantino di Pechino Express: "Non ho tabù e nessun problema a dire che ho problemi di impotenza"

Le cicatrici di Francia Raisa che ha donato il rene a Selena Gomez

Congo, il destino dei bambini stregoni violentati e bruciati vivi

Nel Paese dove le donne si offendono se le chiami "casalinghe"

Victoire Dauxerre: "Una top model muore lentamente. Ero una morta che camminava"

È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l'inverno

Glee: la sesta stagione sarà l'ultima

Dopo la morte di Cory Monteith, lo sceneggiatore Ryan ha deciso che la serie Glee si concluderà con la sesta stagione.
web
(foto:Web)

“L’ultimo anno di Glee, che sarà il prossimo, era progettato intorno a Rachel e Finn. Ho sempre saputo come sarebbe finito”, ha spiegato Ryan Murphy, “sapevo l’ultima inquadratura: il personaggio di Cory ci sarebbe stato e l’ultima parola l’avrebbe detta lei”.

Ufficializzato lo stop. Dopo la morte di Cory Monteith, conosciuto agli spettatori più come Finn Hudson di Glee, avvenuta lo scorso 13 luglio per un mix letale di alcol ed eroina, lo sceneggiatore Ryan Murphy ha confermato che la sesta stagione sarà l’ultima e ha annunciato che la musical comedy si chiuderà con un tributo a Monteith. Lo sceneggiatore e co-produttore ha aggiunto che è molto soddisfatto del nuovo finale: “Sarà un omaggio a Cory Monteith, è una scelta che ho condiviso col network e di cui vado orgoglioso”.

Anche gli attori si sono detti d’accordo con la decisione di porre fine alla serie. “Cosa si può ancora dire dopo una sesta stagione?’, ha commentato Chris Colfer, che in Glee veste i panni di Kurt Hummel, ‘credo che sei sia un ottimo numero e il giusto tempo da dedicare ai nostri personaggi”.

Murpy, però, lascia una spiraglio di speranza “Non voglio anticipare cosa accadrà. Mai dire mai, se scopriremo un nuovo gruppo di ragazzi di talento perché no? Ma per ora pensiamo alle prossime due stagioni”.