diredonna network
logo
Stai leggendo: Pioggia di diamanti su Giove e Saturno.

J. Madison Wright, l'attrice che morì a 21 anni di ritorno dalla luna di miele

Angelina Jolie e il divorzio: "Bisogna piangere sotto la doccia, non davanti ai figli"

Saldi aerei? Di più: "Vi pagheremo per volare con noi"

La mamma discute la tesi del figlio morto pochi giorni prima

La ricetta più speciale di Chef Alessandro Borghese per un matrimonio perfetto

Oroscopo dal 27 luglio al 2 agosto - Come sopravvivere alle stelle

I commenti e le reazioni delle donne quando ho indossato per strada un abito provocante

Il reggiseno per bambine di 8 anni è troppo provocante (e push up)

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Pioggia di diamanti su Giove e Saturno.

Quale ragazza non vorrebbe su di se un infinita pioggia di diamanti? E' "meteorologicamente" impossibile,. ma non su Giove o Saturno.
fonte: repstatic.it
fonte: repstatic.it

Dopo la Fifth Avenue (NEW YORK) e Les Champs Elysée (PARIGI), classificate tra le strade più costose al mondo, la Via Lattea ci propone alcuni pianeti del nostro sistema solare come posti più costosi esistenti.

In atto proprio mentre parliamo, una pioggia di veri e propri diamanti su Saturno e Giove. I ricercatori, studiando questi fenomeni, hanno spiegato che regolarmente i due pianeti vengono colpiti da queste piogge, e quindi il suolo è ricco di pietre preziose alle volte grandi come iceberg.

L’evento è stato spiegato dal suo scopritore, il ricercatore Kevin Baines, del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, nella città di Denver, dove è in corso l’annuale meeting della divisione dedita alle scienze planetarie dell’American Astronomical Society. L’unica pecca è che le piogge sono solo teoria, scientificamente spiegata.

Secondo le prove dello scienziato,  i diamanti si creano nell’atmosfera dei due pianeti grazie a dei “fulmini”, lampi di luce che, grazie anche al metano che circonda i pianeti, riescono a creare nuclei di carbonio in forma cristallina. Considerando anche i movimenti convettivi dell’atmosfera e ai cambiamenti di pressione e temperatura, questi cristalli si trasformerebbero chimicamente in  e propri diamanti, la cui stima si aggira, annualmente, intorno alle migliaia di tonnellate.

 

fonte: zeusnews.it
fonte: zeusnews.it

Non si tratta della prima pioggia di diamanti teorizzati su un pianeta, visto che oltre 3 anni fa, il satellite Spitzer della Nasa, mandato in orbita per studiare i pianeti all’estremità del nostro sistema solare, aveva individuato un astro delle dimensioni della Terra, che presentava la superficie così ricca di carbonio da ipotizzare che fosse coperta di diamanti; questo corpo celeste, purtroppo per i ricercatori , si trova a ben 1’200 anni luce dal nostro suolo natìo, mentre le scoperte odierne riguardano pianeti vicini. Ma, mentre gli altri si trovano davvero lontani dalla Terra, i due pianeti fanno parte del nostro sistema solare.

Abbiate pazienza, care donne. Mancano solo 1’200 anni e potremo riempirci le tasche di così tanti diamanti da darne qualcuno in regalo anche alle suocere!!!