diredonna network
logo
Stai leggendo: Parliamone! Lettera di Elena, una donna magnifica condivide la sua storia

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Parliamone! Lettera di Elena, una donna magnifica condivide la sua storia

Parliamone! Lettera di Elena, essere vittima di maltrattamenti e avere poi finalmente il coraggio di parlarne, Elena ci racconta la sua storia
parliamone

“Di tanto in tanto voglio raccontare la mia storia, perchè credo che storie come queste debbano esser raccontate. Avevo 19 anni quando mi sono fidanzata con un ragazzo, di cui ero follemente innamorata. Siamo stati insieme un anno e mezzo e voglio raccontare la nostra storia.  All’inizio è stato tutto molto dolce e romantico, come ogni storia dovrebbe essere. Poi lui ha trovato lavoro ed è iniziato a cambiare, al punto tale da scattare per ogni singola cosa. Ogni nostro litigio portava alle sue mani che bloccavano i miei polsi, ma non credevo poi potesse sfociare in altro. Una sera, davanti casa mia, mi disse che non sopportava il mio cagnolino (e sembra surreale ma la cosa è andata così), perchè gli impediva di stare tranquillo mentre facevamo l’amore. Ovviamente mi misi a ridere, perchè la cosa era comica e gli diedi una spinta leggera sulla spalla, di quelle che si danno agli amici, nulla di più. Lui reagì colpendomi al viso e io ovviamente iniziai a piangere sia per il dolore che per lo spavento. Questo lo fece infuriare ancora di più e mi prese per il collo, sbattendomi contro il muro. Ho creduto di morire. Lo guardavo negli occhi ma non vedevo lui, vedevo un’altra persona, un mostro. Non l’ho denunciato e non l’ho detto a nessuno se non a distanza di mesi. Ora a 23 anni, mi pento di averlo fatto, perchè è per colpa del nostro silenzio che casi come questi continuano ad esserci. Perciò che siate donne mature, giovani ragazze , non importa. Abbiate sempre il coraggio di denunciare il mostro che vi alza un dito contro. Prima o poi forse riusciremo a far smettere questa violenza. Il primo passo è parlarne e non chiudersi nel dolore o nella paura. Un grosso abbraccio a tutte, magnifiche donne.”

Cara Elena,

Pubblico con molto piacere e molta gioia la tua lettera, sperando che possa essere motivo di forza e coraggio per le molte (anzi io direi sempre troppe) donne che come te hanno subito, o subiscono violenze. Vorrei aggiungere alla tua condivisione che viene considerata violenza anche quella psicologica non solo quella fisica. Non aspettiamo che i segni siano visibili sul nostro corpo per reagire: dobbiamo muoverci subito, non accettare ciò che non ci fa stare bene ed essere forti affinché le molte donne vittime diventino nessuna. Un enorme in bocca al lupo a te Elena, che tu possa avere il futuro che meriti e a tutte le meravigliose donne che seguiranno il tuo esempio!

Lucia

Raccontami chi sei:

Scrivi il tuo nome (oppure un soprannome) e scegli se vuoi che sia menzionato nella risposta

Come ti chiami?

Desideri rimanere anonima/o?
SiNo

Confidati con me:

Questo è lo spazio dove puoi scrivere tutto ma proprio tutto quello che vuoi confidarmi; la risposta, poi, comparirà sul magazine

Acconsento al trattamento dei dati (informativa privacy)