diredonna network
logo
Stai leggendo: I 5 grandi difetti che sottolineano la tua intelligenza

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

I 5 grandi difetti che sottolineano la tua intelligenza

Ci sono 5 difetti che indicano in realtà un'intelligenza superiore. Leggere per credere, perchè se lo dicono ad Harvard...
(foto:Web)

Ne scrivono di cose sull’intelligenza e il successo. Si citano fallimenti famosi, consigli per le madri per aiutare i figli a sviluppare le proprie capacità cognitive, ci sono anche esercizi che stimolano il cervello e aumentano la materia grigia.

In pochi però ti avranno detto che molti dei tuoi grandi difetti, sono semplicemente il rovescio della medaglia se possiedi un’intelligenza superiore.

Alcuni sono davvero impensabili, e certamente l’articolo va letto con la testa. Nessuno vi sta consigliando di essere diversi da quello che siete solo per essere etichettati come “più intelligenti”. Ma sicuramente questo articolo è interessante sotto diversi punti di vista. 

L’intelligenza vera è amarsi.

>>> Ecco i 5 Grandi Difetti che sottolineano l’intelligenza

Dipendenza Alcool e Droga.

(foto:Web)

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, più si è intelligenti in infanzia, più si è inclini, in età adulta, a consumare droghe leggere. La ricerca, durata 5 anni e condotta su 8000 volontari attraverso la tecnica dello screening, non fa una piega. Gli uomini che, durante l’infanzia, presentano alti quozienti intellettivi, hanno in età adulta il 50% di probabilità in più di sviluppare una dipendenza per le droghe leggere come cannabis o ecstasy. Fra le donne la percentuale sfiora addirittura l’84%.

Anche secondo la psicologa Jennifer Wiley, ricercatrice dell’Università dell’Illinois, la birra rende, almeno temporaneamente, più intelligenti e creativi. La scoperta è avvenuta sottoponendo 400 volontari ad alcuni quiz di logica e matematica: chi aveva da poco bevuto una birra, precedentemente offerta dagli stessi autori dello studio, risolveva il 40% dei quiz in più, con tempi inferiori (12 secondi a quiz, contro i 16 secondi dei colleghi sobri).

Soffrire d’Ansia

(foto:Web)

Una ricerca del Baylor College of Medicine sottolinea come l’ansia sia legata ad un’intelligenza superiore. Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno osservato, attraverso una risonanza magnetica, 26 pazienti che soffrivano di forte ansia e 18 individui sani. “I soggetti che soffrivano di ansia generalizzata presentavano una maggior concentrazione di colina, componente chimico legato all’intelligenza, nella materia bianca cerebrale. L’ansia, inoltre, induce le persone a non correre rischi. Colui che soffre d’ansia, infatti, finisce in molti casi ad avere un tasso di sopravvivenza più alto a tutto vantaggio della specie”.

Essere primogeniti

(foto:Web)

La rivincita dei fratelli maggiori arriva dall’Università di Oslo: secondo una ricerca condotta dal professor Peter Kristensen i fratelli maggiori sono più intelligenti (bizzarro se si pensa che il professore è un secondogenito). I ricercatori hanno analizzato i test di intelligenza condotti su un campione di 250mila soggetti tra i 18 e i 20 anni.

I valori dei loro Q.I. diminuivano con il diminuire dell’ordine di nascita: i primogeniti avevano in media un grado di intelligenza di 2,3 punti maggiore rispetto ai loro fratelli minori. “La differenza intellettuale è giustificata dall’ordine educativo scelto dai genitori che, complice l’ansia e l’inesperienza, privilegiano l’istruzione e la disciplina dei figli primogeniti.”

Avere un brutto carattere

(foto:Web)

La ricerca in questione viene direttamente dalla Harvard University. Lo studio ha esaminato gli atteggiamenti di gruppo di scimmie bonobo e di scimpanzè, animali con caratteristiche sociali del tutto simili a quelle degli esseri umani. Gli esemplari più irascibili sono risultati essere anche i più intelligenti ed evoluti. Le caratteristiche necessarie sono da cercarsi tra: irascibilità, scarsa pazienza, intolleranza verso chi è meno sveglio, costante malumore e scontrosità.

“I risultati lo confermano, essere brontoloni, irascibili e scostanti è sinonimo di intelligenza. Al contrario essere disponibili, sempre allegri e gentili indicherebbe persone con caratteri meno incisivi e quindi più semplici, ingenui e meno arguti.”

Sovrappeso

 

(foto:Web)

Un recente studio, condotto presso le Università di Pittsburgh e Santa Barbara, ha tuttavia evidenziato anche loro capacità intellettive. A quanto pare le “grasse” sono migliori delle magre. La ricerca ha preso in considerazione un campione di 16mila donne e ragazze. Le donne aventi un maggior distacco fra la misura dei fianchi e quella della vita hanno raggiunto punteggi molto più alti nei test d’intelligenza. Il rapporto ideale tra la circonferenza dei fianchi e quella della vita è compreso tra 0,6 e 0,7.

Le donne “Curvy” produrrebbero infatti più Omega3.