diredonna network
logo
Stai leggendo: Metodo Stamina: Papa Francesco chiama le famiglie dei bambini malati: “Parlerò con il Ministero”

"Lui è più intelligente di me". Cosa pensano le bambine già a 6 anni

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Metodo Stamina: Papa Francesco chiama le famiglie dei bambini malati: "Parlerò con il Ministero"

Papa Francesco chiama le famiglie di alcuni bambini malati, in cura con il metodo Stamina."Prego per voi e parlerò con il Ministero".
(foto:Web)

Papa Francesco, dopo lo Stop definitivo del Ministero al metodo Sperimentale Stamina, ha deciso di chiamare i genitori di due dei bambini che stavano affrontando questo tipo di cura, con miglioramenti visibili.

Il racconto di uno dei due è riportato anche sul quotidiano Il Centro.  Scrive la Madre di uno dei piccoli: “Ho scritto una lettera accompagnata da una foto di Chantal ed ho raccontando la situazione disperata, chiedendo se lui potesse fare qualcosa. Il giorno prima del suo viaggio ad Assisi il Papa mi ha chiamato: mi ha chiesto come stava mia figlia.  avrebbe chiamato di nuovo per sapere come sta Chantal”. Il Papa ha detto alla donna che prega tanto per la mia bambina e per tutti gli altri bambini malati.

 

(foto:Web)

Anche il padre di Noemi, 16 mesi, il quale chiede che la figlia sia curata con il metodo Stamina, ha raccontato di aver ricevuto la telefonata di Papa Francesco. “‘Cosa posso fare per voi?’ Io gli ho spiegato che non è giusto che un ospedale abbia liste d’attesa così lunghe, con già alcuni bambini morti, non vorrei che la prossima sia Noemi. Padre non ci abbandoni, gli ho chiesto”.

“Io non vi abbandono – ha risposto Bergoglio, secondo il racconto dell’uomo – parlerò con il Ministero della Salute, prego per Noemi e prego per voi”.

Il padre di Noemi ha aggiunto: “Alle 19:30 mi ha richiamato il segretario del Pontefice, e mi ha detto che Papa Francesco alle 19 si è messo in preghiera per Noemi”.