diredonna network
logo
Stai leggendo: Metodo Stamina: Papa Francesco chiama le famiglie dei bambini malati: “Parlerò con il Ministero”

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Metodo Stamina: Papa Francesco chiama le famiglie dei bambini malati: "Parlerò con il Ministero"

Papa Francesco chiama le famiglie di alcuni bambini malati, in cura con il metodo Stamina."Prego per voi e parlerò con il Ministero".
(foto:Web)

Papa Francesco, dopo lo Stop definitivo del Ministero al metodo Sperimentale Stamina, ha deciso di chiamare i genitori di due dei bambini che stavano affrontando questo tipo di cura, con miglioramenti visibili.

Il racconto di uno dei due è riportato anche sul quotidiano Il Centro.  Scrive la Madre di uno dei piccoli: “Ho scritto una lettera accompagnata da una foto di Chantal ed ho raccontando la situazione disperata, chiedendo se lui potesse fare qualcosa. Il giorno prima del suo viaggio ad Assisi il Papa mi ha chiamato: mi ha chiesto come stava mia figlia.  avrebbe chiamato di nuovo per sapere come sta Chantal”. Il Papa ha detto alla donna che prega tanto per la mia bambina e per tutti gli altri bambini malati.

 

(foto:Web)

Anche il padre di Noemi, 16 mesi, il quale chiede che la figlia sia curata con il metodo Stamina, ha raccontato di aver ricevuto la telefonata di Papa Francesco. “‘Cosa posso fare per voi?’ Io gli ho spiegato che non è giusto che un ospedale abbia liste d’attesa così lunghe, con già alcuni bambini morti, non vorrei che la prossima sia Noemi. Padre non ci abbandoni, gli ho chiesto”.

“Io non vi abbandono – ha risposto Bergoglio, secondo il racconto dell’uomo – parlerò con il Ministero della Salute, prego per Noemi e prego per voi”.

Il padre di Noemi ha aggiunto: “Alle 19:30 mi ha richiamato il segretario del Pontefice, e mi ha detto che Papa Francesco alle 19 si è messo in preghiera per Noemi”.