diredonna network
logo
Stai leggendo: Si risveglia dal coma e ammette: “Il paradiso esiste, io ne ho le prove…”

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Si risveglia dal coma e ammette: "Il paradiso esiste, io ne ho le prove..."

Un medico ateo uscito dal coma ha gridato al miracolo: "Il paradiso esiste e io ne ho le prove!" Un racconto che mette i brividi.
(foto:Web)
(foto:Web)

Eben Alexander è un professore di neurologia e neurochirurgia alla Harvard University. L’uomo entrò in coma per una settimana a causa di una rara forma di meningite. Un medico ateo, sbattezzato e molto scettico nei confronti dei “miracoli”, dopo la sua esperienza ha deciso di scrivere un libro dal titolo: “La prova del paradiso.” 

“Esiste una nuova vita oltre la morte! Esiste! L’aldilà è popolato da magnifici esseri di luce, e ci sono farfalle e nuvole rosa”. Così racconta Alexander che in quei giorni si è trovato in un luogo “Indicibilmente più alto delle stelle, con esseri trasparenti e scintillanti. Era un mondo di nuvole bianche e rosa stagliate contro un cielo blu scuro come la notte e stormi di esseri luminosi che lasciavano dietro di sé una scia altrettanto lucente”.Durante il coma le numerose Tac cerebrali e visite neurologiche dimostravano tuttavia una totale inattività della sua neocorteccia, il suo cervello era praticamente spento.

Il professore racconta di aver avuto una guida spirituale durante il viaggio: una bella ragazza bionda con occhi blu, che volava su un tappeto di farfalle. Dalla ragazza arrivavano messaggi come “tu sei amato e accudito!”, “non c’è niente di cui avere paura”

Sul finire del cammino, Alexander si è ritrovato in un buio immenso e confortevole, illuminato da una sfera brillante. Eben Alexander è convinto il Paradiso esista realmente: “Il mio viaggio non è avvenuto durante un malfunzionamento cerebrale, ma mentre la corteccia era totalmente disattivata. Ed a questo non esiste alcuna spiegazione scientifica