diredonna network
logo
Stai leggendo: Si risveglia dal coma e ammette: “Il paradiso esiste, io ne ho le prove…”

"Lui è più intelligente di me". Cosa pensano le bambine già a 6 anni

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

Si risveglia dal coma e ammette: "Il paradiso esiste, io ne ho le prove..."

Un medico ateo uscito dal coma ha gridato al miracolo: "Il paradiso esiste e io ne ho le prove!" Un racconto che mette i brividi.
(foto:Web)

Eben Alexander è un professore di neurologia e neurochirurgia alla Harvard University. L’uomo entrò in coma per una settimana a causa di una rara forma di meningite. Un medico ateo, sbattezzato e molto scettico nei confronti dei “miracoli”, dopo la sua esperienza ha deciso di scrivere un libro dal titolo: “La prova del paradiso.” 

“Esiste una nuova vita oltre la morte! Esiste! L’aldilà è popolato da magnifici esseri di luce, e ci sono farfalle e nuvole rosa”. Così racconta Alexander che in quei giorni si è trovato in un luogo “Indicibilmente più alto delle stelle, con esseri trasparenti e scintillanti. Era un mondo di nuvole bianche e rosa stagliate contro un cielo blu scuro come la notte e stormi di esseri luminosi che lasciavano dietro di sé una scia altrettanto lucente”.Durante il coma le numerose Tac cerebrali e visite neurologiche dimostravano tuttavia una totale inattività della sua neocorteccia, il suo cervello era praticamente spento.

Il professore racconta di aver avuto una guida spirituale durante il viaggio: una bella ragazza bionda con occhi blu, che volava su un tappeto di farfalle. Dalla ragazza arrivavano messaggi come “tu sei amato e accudito!”, “non c’è niente di cui avere paura”

Sul finire del cammino, Alexander si è ritrovato in un buio immenso e confortevole, illuminato da una sfera brillante. Eben Alexander è convinto il Paradiso esista realmente: “Il mio viaggio non è avvenuto durante un malfunzionamento cerebrale, ma mentre la corteccia era totalmente disattivata. Ed a questo non esiste alcuna spiegazione scientifica