diredonna network
logo
Stai leggendo: Si risveglia dal coma e ammette: “Il paradiso esiste, io ne ho le prove…”

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Si risveglia dal coma e ammette: "Il paradiso esiste, io ne ho le prove..."

Un medico ateo uscito dal coma ha gridato al miracolo: "Il paradiso esiste e io ne ho le prove!" Un racconto che mette i brividi.
(foto:Web)

Eben Alexander è un professore di neurologia e neurochirurgia alla Harvard University. L’uomo entrò in coma per una settimana a causa di una rara forma di meningite. Un medico ateo, sbattezzato e molto scettico nei confronti dei “miracoli”, dopo la sua esperienza ha deciso di scrivere un libro dal titolo: “La prova del paradiso.” 

“Esiste una nuova vita oltre la morte! Esiste! L’aldilà è popolato da magnifici esseri di luce, e ci sono farfalle e nuvole rosa”. Così racconta Alexander che in quei giorni si è trovato in un luogo “Indicibilmente più alto delle stelle, con esseri trasparenti e scintillanti. Era un mondo di nuvole bianche e rosa stagliate contro un cielo blu scuro come la notte e stormi di esseri luminosi che lasciavano dietro di sé una scia altrettanto lucente”.Durante il coma le numerose Tac cerebrali e visite neurologiche dimostravano tuttavia una totale inattività della sua neocorteccia, il suo cervello era praticamente spento.

Il professore racconta di aver avuto una guida spirituale durante il viaggio: una bella ragazza bionda con occhi blu, che volava su un tappeto di farfalle. Dalla ragazza arrivavano messaggi come “tu sei amato e accudito!”, “non c’è niente di cui avere paura”

Sul finire del cammino, Alexander si è ritrovato in un buio immenso e confortevole, illuminato da una sfera brillante. Eben Alexander è convinto il Paradiso esista realmente: “Il mio viaggio non è avvenuto durante un malfunzionamento cerebrale, ma mentre la corteccia era totalmente disattivata. Ed a questo non esiste alcuna spiegazione scientifica