diredonna network
logo
Stai leggendo: Matrimonio e dintorni. La storia e il significato dei simboli

La lettera di addio alla moglie che non c'è più: "'Stirerò', dicesti. Non l'hai mai fatto ma sei stata la mia vita"

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Jessica, perde la memoria ma si innamora di nuovo dello stesso uomo

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

Matrimonio e dintorni. La storia e il significato dei simboli

Da quando ci si veste di bianco il giorno del "si"? Perché ci si scambia le fedi nuziali? Perchè si lancia il riso? Ecco a voi piccole curiosità per il vostro grande giorno!
www.conventosangiuseppe.com

Il matrimonio si sa, affascina le donne di tutto il globo ma conoscete davvero il significato dei simboli e delle usanze che si praticano durante la sua celebrazione?

Il vestito bianco

 

www.vivreshabbychic.com

L’usanza di indossare il vestito bianco, non ha origini poi così lontane! Si pensi che per quasi tutto il medioevo più il vestito della sposa era colorato, più indicava ricchezza. In alcuni Paesi europei il bianco veniva utilizzato addirittura come colore del lutto.
La prima donna che utilizzò il vestito bianco fu  la principessa Filippa d’Inghilterra nel 1406 che convolò a nozze con Erik di Danimarca. La seconda che lo indossò un secolo e mezzo dopo. fu Maria Stuart, la regina scelse per le nozze con Francesco II di Francia un abito candido, andando contro la tradizione:come già detto,  per i reali francesi il bianco era il colore del lutto. La scelta della regina Maria nasconde un risvolto ben più inquietante: il suo giovane consorte, morirà di lì a due anni.
Ma sarà solo nel 1840 la regina Vittoria d’Inghilterra lo scelse per le sue nozze con Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha un sontuoso abito bianco che quasi tutte le future spose la copieranno.

Il lancio del riso

canoniani.it

Una leggenda cinese narra che un genio buono un giorno visitò un paesino molto povero e colpito dalla povertà dei suoi abitanti decise di lanciare i suoi denti in un lago. Da quei denti, nacquero le piante di riso.
Per questo motivo, dove c’è il riso, la tradizione vuole che ci sarà prosperità. Lanciare i piccoli chicchi bianchi quindi indica augurare agli sposi abbondanza!

Lo scambio degli anelli

significatofedinuziali.blogspot.com

Il cerchio è il simbolo della perfezione. Infilare al dito l’anello nuziale è una delle usanze più antiche di tutto il mondo: l’anello infatti è simbolo di completezza e segna l’attimo in cui la vita raggiunge l’apice. Una volta convolati a nozze, gli sposini formeranno un’unica unità e il cerchio dell’anello va a rappresentare proprio ciò. Insieme siamo completi!

Luna di miele

www.fleursdeventi.com

L’origine del nome non è mai stata ben definita . Molto probabilmente però il termine “luna” sta ad indicare il primo mese di matrimonio, ciò che non è chiaro è il perché questo periodo debba essere proprio di miele…
Secondo alcuni, il miele viene considerato come la dolcezza che caratterizza il primo periodo dopo il matrimonio, lasciando intendere che solo la prima “luna” sarà di “miele”, ovvero che la felicità iniziale è comunque destinata a diminuire presto.
Secondo altri studiosi le origini del nome si basano su usanze molto antiche.
Una di queste risale ai tempi di Babilonia: era infatti un’usanza comune regalare ai novelli sposi una quantità d’ idromele una bevanda a base di miele, sufficiente per un mese; questo perché si pensava che l’idromele garantisse maggior fertilità.
L’usanza di regalare idromele agli sposi era una pratica comune anche nell’antica Roma e nel medioevo.