diredonna network
logo
Stai leggendo: La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

La Giunta, dopo circa 6 ore, ha votato a favore per la decadenza dal Senato di Silvio Berlusconi.
fonte: web
fonte: web

La giunta per le elezioni del Senato ha votato la decadenza di Silvio Berlusconi al Senato: il voto è stato raggiunto dopo circa 6 ore di Camera di Consiglio. Oggetto della decadenza è la condanna definitiva per frode fiscale nel caso dei diritti tv Mediaset.

Il Movimento 5 stelle ha creato un po’ di caos: il grillino Vito Crimi ha pubblicato un contenuto sui social con battute molto irriverenti su Silvio Berlusconi e, ovviamente, ha scatenato il delirio e l’indignazione nel Pdl.

Gli assistenti legali del Cavalieri non si sono presentati all’udienza pubblica. È una scelta che può significare tanto: fra le prime ipotesi è che la battaglia in Giunta veniva già considerata persa.

Il Pdl sostiene la non applicabilità della legge Severino, che prevede la decadenza dei condannati, perché al momento in cui fu commesso il reato la legge non era ancora in vigore. Pd e Movimento Cinque Stelle sono invece orientati per un voto favorevole alla decadenza.