diredonna network
logo
Stai leggendo: La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

La Giunta, dopo circa 6 ore, ha votato a favore per la decadenza dal Senato di Silvio Berlusconi.
fonte: web

La giunta per le elezioni del Senato ha votato la decadenza di Silvio Berlusconi al Senato: il voto è stato raggiunto dopo circa 6 ore di Camera di Consiglio. Oggetto della decadenza è la condanna definitiva per frode fiscale nel caso dei diritti tv Mediaset.

Il Movimento 5 stelle ha creato un po’ di caos: il grillino Vito Crimi ha pubblicato un contenuto sui social con battute molto irriverenti su Silvio Berlusconi e, ovviamente, ha scatenato il delirio e l’indignazione nel Pdl.

Gli assistenti legali del Cavalieri non si sono presentati all’udienza pubblica. È una scelta che può significare tanto: fra le prime ipotesi è che la battaglia in Giunta veniva già considerata persa.

Il Pdl sostiene la non applicabilità della legge Severino, che prevede la decadenza dei condannati, perché al momento in cui fu commesso il reato la legge non era ancora in vigore. Pd e Movimento Cinque Stelle sono invece orientati per un voto favorevole alla decadenza.