diredonna network
logo
Stai leggendo: La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

La Giunta, dopo circa 6 ore, ha votato a favore per la decadenza dal Senato di Silvio Berlusconi.
fonte: web

La giunta per le elezioni del Senato ha votato la decadenza di Silvio Berlusconi al Senato: il voto è stato raggiunto dopo circa 6 ore di Camera di Consiglio. Oggetto della decadenza è la condanna definitiva per frode fiscale nel caso dei diritti tv Mediaset.

Il Movimento 5 stelle ha creato un po’ di caos: il grillino Vito Crimi ha pubblicato un contenuto sui social con battute molto irriverenti su Silvio Berlusconi e, ovviamente, ha scatenato il delirio e l’indignazione nel Pdl.

Gli assistenti legali del Cavalieri non si sono presentati all’udienza pubblica. È una scelta che può significare tanto: fra le prime ipotesi è che la battaglia in Giunta veniva già considerata persa.

Il Pdl sostiene la non applicabilità della legge Severino, che prevede la decadenza dei condannati, perché al momento in cui fu commesso il reato la legge non era ancora in vigore. Pd e Movimento Cinque Stelle sono invece orientati per un voto favorevole alla decadenza.