diredonna network
logo
Stai leggendo: La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

La Giunta Senato vota a favore della decadenza di Silvio Berlusconi

La Giunta, dopo circa 6 ore, ha votato a favore per la decadenza dal Senato di Silvio Berlusconi.
fonte: web
fonte: web

La giunta per le elezioni del Senato ha votato la decadenza di Silvio Berlusconi al Senato: il voto è stato raggiunto dopo circa 6 ore di Camera di Consiglio. Oggetto della decadenza è la condanna definitiva per frode fiscale nel caso dei diritti tv Mediaset.

Il Movimento 5 stelle ha creato un po’ di caos: il grillino Vito Crimi ha pubblicato un contenuto sui social con battute molto irriverenti su Silvio Berlusconi e, ovviamente, ha scatenato il delirio e l’indignazione nel Pdl.

Gli assistenti legali del Cavalieri non si sono presentati all’udienza pubblica. È una scelta che può significare tanto: fra le prime ipotesi è che la battaglia in Giunta veniva già considerata persa.

Il Pdl sostiene la non applicabilità della legge Severino, che prevede la decadenza dei condannati, perché al momento in cui fu commesso il reato la legge non era ancora in vigore. Pd e Movimento Cinque Stelle sono invece orientati per un voto favorevole alla decadenza.