diredonna network
logo
Stai leggendo: L’ex di Sara Tommasi rompe il silenzio dopo l’aborto: “Per mio figlio dovevo pagare 100mila euro”

Christine Teigen, la foto della supermodella su Twitter: "Ecco le mie normalissime smagliature"

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Oysho presenta l'anteprima primavera/estate 2017: scopriamo Midnight romance

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

L'ex di Sara Tommasi rompe il silenzio dopo l'aborto: "Per mio figlio dovevo pagare 100mila euro"

L'ex di Sara Tommasi è infuriato e chiama i giudici."Per avere mio figlio dovevo pagare 100mila euro!"
(foto:Web)

Sara Tommasi torna sulle pagine di cronaca rosa e non si tratta di buone notizie. 

Il suo ex fidanzato, Fabrizio Chinaglia, colui che si pensava potesse far mettere la testa a posto alla Tommasi, si sfoga su Facebook e confessa alcuni ricatti subiti, soprattutto sull’aborto che la showgirl ha affrontato in circostanze poco chiare.

“Il 10 settembre la madre porta via Sara Tommasi, verso il 20 la mamma mi ha detto o paghi 100.000 mila euro o abortisce perché un padre deve pagare. Non dico cosa gli ho risposto, comunque il giorno dopo ha abortito. Ma sta cosa non finisce qui, e la stiamo portando avanti con gli avvocati. Ho 200 prove pesanti della vita di Sara in mano e lei lo sa, e comunque al di là di tutto non la voglio più, mi è passata. Però Sara ha un contratto di lavoro e tanti impegni che sta bidonando“.

“Pazzesco” è l’unico aggettivo non censurabile che mi viene in mente riguardo questa vicenda.