diredonna network
logo
Stai leggendo: I ritardatari? Sono ottimisti!

GF VIP: le minacce di Jeremias Rodriguez a Daniele Bossari. Filippa Lagerback: "Fanno paura"

Scopri quali parole sono state inventate nell'anno in cui sei nato

Perché quando "ti senti osservato" in genere è vero

Le cicatrici di Francia Raisa che ha donato il rene a Selena Gomez

Ignazio Moser svela il suo curriculum di donne (con voti) al GF Vip

Congo, il destino dei bambini stregoni violentati e bruciati vivi

Nel Paese dove le donne si offendono se le chiami "casalinghe"

È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l'inverno

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

I ritardatari? Sono ottimisti!

Avete sempre visto di cattivo occhio i ritardatari? Da oggi dovete ricredervi perchè uno studio è arrivato alla conclusione che i ritardatari sono più positivi ed efficienti rispetto a chi arriva sempre puntuale che, al contrario, è ansioso e negativo.
(foto:Web)
(foto:Web)

Chi nasce con un temperamento ansioso è preoccupato, ha spesso paura di non farcela e, quindi, a un appuntamento cerca di arrivare sempre qualche minuto prima” è ciò che afferma il Dottor Salvatore Di Salvo psichiatra e presidente dell’Associazione per la ricerca sulla depressione di Torino, il quale alla rivista scientifica Airone spiega che i fattori che determinano la nostra capacità di gestione e controllo del tempo sono il temperamento, il carattere e la personalità.

Per questo motivo, al contrario, chi ha un temperamento più rilassato tende ad arrivare sempre in ritardo perchè non si preoccupa di rispettare la rigidità di un orario.

Il carattere e la personalità sono invece aspetti dell’individuo che si formano sin dalla prima infanzia grazie all’insegnamento dei genitori e all’istruzione ricevuta. Per questo motivo essere ritardatari cronici non è sempre sintomo di un disagio psicologico, infatti “Può dipendere anche da fattori esterni che intervengono in modo del tutto casuale e che determinano una reazione a catena involontaria” spiega Derek Chapman professore all’Università di Calgary.

Perciò, oltre al ritardatario cronico, esistono altri tipi di ritardatari: quelli involontari, ai quali bastano pochi minuti di ritardo la mattina per far slittare l’intera agenda della giornata; quelli ottimisti, che si prendono più impegni di quelli che dovrebbero e che passano tutta la giornata a correre per poter portare a termine tutto; ed infine i ritardatari in perenne lotta contro il tempo. Di queste ultime tre categorie Paolo Zucconi, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale di Udine afferma “Queste persone hanno un carattere forte e sono estremamente efficienti, competitive e vincenti“.

Gli italiani all’estero hanno la nomea di essere dei ritardatari e delle persone poco affidabili in termini di puntualità. Basti pensare che, ad esempio, una giornalista del Los Angeles Times ha scritto delle ferrovie italiane che hanno due orari “Il primo di fantasia, il secondo, che evidenzia i ritardi nell’arrivo e nella partenza, è quello reale“.

Non potendo ribattere il contrario non ci resta che dire che noi italiani siamo un popolo di ottimisti!