diredonna network
logo
Stai leggendo: Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Finalmente una svolta storica: in arrivo il bracciale contro gli stalker.
(foto:Web)

 

Finalmente una svolta vera e propria per tentare di fermare l’orrendo fenomeno dei femminicidi.

Un emendamento del Pd, approvato in commissione alla Camera, prevede l’arrivo di un braccialetto elettronico per la tutela delle donne. Un braccialetto e intercettazioni telefoniche: quest’ultime infatti vengono estese al reato di stalking. 

L’ emendamento del Pd all’articolo 2 del decreto del governo applica anche allo stalking la disciplina del codice di procedura penale sulle intercettazioni telefoniche. Inoltre il giudice può disporre per chi sia stato allontanato dalla casa familiare, previo consenso dell’imputato, le modalità di controllo previste dall’articolo 275 bis del codice di procedura penale.

Questi strumenti di controllo coincidono con il bracciale elettronico che verrà applicato a chi è stato allontanato da casa per stalking o violenza. Le commissioni, dopo aver bocciato gli emendamenti soppressivi dell’articolo 2 del decreto del governo sul femminicidio, hanno approvato altre due proposte di modifica: una che prevede il gratuito patrocinio e che sia informata la parte offesa, l’altra che esclude la possibilità di applicare l’allontanamento dalla casa familiare nei casi di lesioni lievi.

Le commissioni non hanno ancora concluso l’esame dell’articolo 2 del dl del governo. Si proseguirà lunedì prossimo.