diredonna network
logo
Stai leggendo: Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Finalmente una svolta storica: in arrivo il bracciale contro gli stalker.
(foto:Web)

 

Finalmente una svolta vera e propria per tentare di fermare l’orrendo fenomeno dei femminicidi.

Un emendamento del Pd, approvato in commissione alla Camera, prevede l’arrivo di un braccialetto elettronico per la tutela delle donne. Un braccialetto e intercettazioni telefoniche: quest’ultime infatti vengono estese al reato di stalking. 

L’ emendamento del Pd all’articolo 2 del decreto del governo applica anche allo stalking la disciplina del codice di procedura penale sulle intercettazioni telefoniche. Inoltre il giudice può disporre per chi sia stato allontanato dalla casa familiare, previo consenso dell’imputato, le modalità di controllo previste dall’articolo 275 bis del codice di procedura penale.

Questi strumenti di controllo coincidono con il bracciale elettronico che verrà applicato a chi è stato allontanato da casa per stalking o violenza. Le commissioni, dopo aver bocciato gli emendamenti soppressivi dell’articolo 2 del decreto del governo sul femminicidio, hanno approvato altre due proposte di modifica: una che prevede il gratuito patrocinio e che sia informata la parte offesa, l’altra che esclude la possibilità di applicare l’allontanamento dalla casa familiare nei casi di lesioni lievi.

Le commissioni non hanno ancora concluso l’esame dell’articolo 2 del dl del governo. Si proseguirà lunedì prossimo.