diredonna network
logo
Stai leggendo: Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Femminicidio: è arrivato il bracciale per fermare gli stalker

Finalmente una svolta storica: in arrivo il bracciale contro gli stalker.
(foto:Web)

 

Finalmente una svolta vera e propria per tentare di fermare l’orrendo fenomeno dei femminicidi.

Un emendamento del Pd, approvato in commissione alla Camera, prevede l’arrivo di un braccialetto elettronico per la tutela delle donne. Un braccialetto e intercettazioni telefoniche: quest’ultime infatti vengono estese al reato di stalking. 

L’ emendamento del Pd all’articolo 2 del decreto del governo applica anche allo stalking la disciplina del codice di procedura penale sulle intercettazioni telefoniche. Inoltre il giudice può disporre per chi sia stato allontanato dalla casa familiare, previo consenso dell’imputato, le modalità di controllo previste dall’articolo 275 bis del codice di procedura penale.

Questi strumenti di controllo coincidono con il bracciale elettronico che verrà applicato a chi è stato allontanato da casa per stalking o violenza. Le commissioni, dopo aver bocciato gli emendamenti soppressivi dell’articolo 2 del decreto del governo sul femminicidio, hanno approvato altre due proposte di modifica: una che prevede il gratuito patrocinio e che sia informata la parte offesa, l’altra che esclude la possibilità di applicare l’allontanamento dalla casa familiare nei casi di lesioni lievi.

Le commissioni non hanno ancora concluso l’esame dell’articolo 2 del dl del governo. Si proseguirà lunedì prossimo.