diredonna network
logo
Stai leggendo: Picchiata dal compagno, non lo denuncia. Lui la uccide il giorno dopo, a soli 20 anni

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Picchiata dal compagno, non lo denuncia. Lui la uccide il giorno dopo, a soli 20 anni

Una giovane donna di soli 20 anni è morta dopo una violenza domestica da lei mai denunciata.
(foto:Web)

 Ilaria Pagliarulo è morta a soli 20 anni nella sala rianimazione dell’ospedale di Taranto. 

La giovane era stata ferita con colpi di pistola dal suo convivente, Cosimo De Biaso, poco più che ventenne e ora in arresto. Da tempo Ilaria era vittima di violenze domestiche da parte del compagno, ma per paura, per amore malato, per motivi che non ci sentiamo di giudicare, lei non l’aveva mai denunciato.

La sera prima della sua morte, Ilaria era già stata colpita con un colpo di pistola al fianco sinistro che le aveva perforato un rene. La ragazza si era medicata da sola e non aveva chiesto nessun aiuto medico esterno. La mattina successiva, dopo un ennesimo litigio, Cosimo ha nuovamente impugnato la pistola, colpendo Ilaria all’emitorace sinistro.

 

Quella sera l’uomo sparò anche un colpo di pistola andato a vuoto, finito contro l’automobile della madre della sua convivente, che stava seguendo l’ambulanza del 118 sulla quale si trovava la ragazza ferita.