diredonna network
logo
Stai leggendo: Shopping online: come, dove, perchè

Per la serie orrori fashion: arrivano i Clear Knee Mom Jeans

Yamamay Sempre Perfetta 2017: capi, colori e novità. Scopritele con noi!

Questa campagna Zara ha fatto infuriare molte persone

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

Gli scatti di Lalonie, 17 anni: "Con il mio corpo faccio ciò che voglio"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Borse O bag 2017: vi presentiamo la nuova collezione primavera estate!

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

New entry in Grey's Anatomy 13. Jo è in pericolo?

Shopping online: come, dove, perchè

Lo shopping è l’attività preferita delle donne e da quando il web è diventato parte integrante della nostra vita, gli e-commerce non fanno altro che moltiplicarsi. Ma sappiamo muoverci bene nello shopping online? Ecco una piccola guida sul come, dove e perchè del click and shop.
Shopping online: come, dove, perchè

L’autunno è alle porte e nelle giornate buie ed uggiose, mentre fuori vento e pioggia battono sulla finestra, a chi viene voglia di uscire per fare compere?

Lo shopping online nasce proprio per questo: tutti i capi a portata di click, nessun bisogno di spostarsi, pagamenti in sicurezza, consegna direttamente a casa e shop aperti 24 ore su 24.Magari si ha assolutamente bisogno di questo o quel vestito, oppure il capo che si cerca non si trova nei negozi, e allora arriva il web a salvarci, mettendoci a disposizione tutte le sue risorse fashion.

Messa così sembra la cosa più facile del mondo ma in realtà non lo è. Come tutte le cose, anche lo shopping online ha i suoi lati negativi. Per cominciare, l’apparentemente banale Size Guide. Il difetto più grande di questo metodo di acquisto da casa è  non poter provare gli abiti. Molto spesso i siti in questione sono stranieri e presentano una sfilza di tabelle con numeri, sigle, centimetri e via dicendo. Quindi, dopo aver preso il metro da sarta della mamma e aver misurato la lunghezza della gamba, la circonferenza del polpaccio, calcolato la distanza tra un occhio e l’altro e fatto due volte la giravolta, esauste e prese dallo sconforto, lasciate perdere e chiudete il pc.

Frequentemente, poi, succede che non si riesca a fare il confronto di prezzo tra un sito e l’altro.

Ci sono poi le spese di spedizione che si vanno a sommare al prezzo del capo, ciò richiede una valutazione in più: “Vale la pena comprarlo?”

C’è chi non ha mai fatto shopping online o lo fa male proprio per questi motivi. Ma non disperate, questa guida serve proprio ad indirizzarvi verso un acquisto consapevole, sicuro e a cuor leggero (un po’ meno per il portafogli!).

Partiamo proprio dalle taglie. Ecco cosa misurare:

  • Fianchi: misurate la circonferenza del bacino prendendo la misura dalla parte più sporgente;
  • Vita: misurateLA nel punto più stretto;
  • Seno: misurate la circonferenza nel punto in cui il seno è più sporgente;
  • Spalle: misurate la distanza da una spalla all’altra da dove solitamente si trova la cucitura delle magliette.
Shopping online: come, dove, perchè

Dopo aver misurato, per quanto riguarda l’interpretazione, se alcune delle vostre misure rientrano, ad esempio, nella taglia S mentre altre nella M,scegliete la taglia più grande a seconda della misura della parte che l’indumento dovrà rivestire: se le spalle sono da taglia M e la vita da taglia S e dovete acquistare un capospalla, scegliete la taglia M. Se invece dovete acquistare una gonna optate per la S.

Questa tabella è molto valida e può esservi di aiuto per diversi siti.

Per quanto riguarda, invece, il confronto web/realtà del capo, il consiglio è quello di non comprare mai capi in cui la qualità della foto è bassa, la dimensione piccola o, peggio ancora, la foto è sostituita da un disegno. Il tessuto deve essere ben visibile, così come eventuali disegni, stampe e dettagli.

 

Confronto prezzi: molti siti, di fianco alla voce “Carrello”, hanno una sezione “Wishlist”, ovvero una lista virtuale in cui salvare tutti i capi che vi interessano, con le relative informazioni sul prezzo e la taglia che avete scelto. Se invece il sito in cui volete acquistare non dispone di questa “lista dei desideri”, basterà salvare i prodotti, anche di siti diversi, nei preferiti e creare una cartella ad hoc.

 

Infine le spese di spedizione. Queste, solitamente, variano da Paese a Paese e spesso se raggiungete una spesa di tot euro, si abbassano o si annullano. Ciò va a discrezione del sito: la soglia, generalmente, parte dai 50 o 75€. Alcuni siti offrono una spedizione gratuita, altri stabiliscono un ammontare irrisorio di pochi Euro. In questo modo se acquisterete un capo con un costo elevato sarete tranquilli di non andarlo a maggiorare eccessivamente a causa della spedizione.

 

Buono shopping!