diredonna network
logo
Stai leggendo: La Nasa cerca volontari: 3.500 euro al giorno per stare a letto.

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

La Nasa cerca volontari: 3.500 euro al giorno per stare a letto.

La Nasa cerca volontari per una ricerca: 3.500 euro al giorno per restare a letto.Pronti a candidarvi? Cerchiamo di capire cosa sta succedendo.
(foto:Web)

Un’offerta di lavoro che non avrà problemi di richieste e adesioni. La Nasa sta cercando dei volontari, anzi, dei dipendenti veri e propri dato che saranno pagati, per stare a letto 24 ore al giorno, con la testa leggermente in giù e i piedi un po’ alzati, per imitare la vita senza gravità degli astronauti a 3.500 euro al mese, per 70 giorni. 

Per qualcuno potrebbe essere il lavoro più bello del mondo.

L’obiettivo dell’esperimento che si svolgerà nel centro di ricerca ‘Faru’ della Nasa presso l’università del Texas a Galveston, è osservare come il corpo degli astronauti reagisce alle lunghe missioni spaziali, per migliorarne di conseguenza le condizioni dei futuri viaggi.

Stare a letto in quella posizione è infatti un’ottima imitazione degli astronauti in assenza di gravità. Sui volontari saranno eseguiti test prima e dopo 70 giorni di riposo a letto, valutando i cambiamenti che avvengono nel loro sistema cardiocircolatorio e nel sistema muscolo-scheletrico, dopo così tanto tempo passato in posizione orizzontale.

I risultati aiuteranno a capire quali compiti di una lunga missione potrebbero essere influenzati dai cambiamenti che avvengono nell’organismo durante il volo spaziale e quindi quali contromisure ideare. Lo studio evidenzierà poi l’efficacia di un nuovo programma di esercizio fisico per mantenere la massa e la forza muscolare, così come la salute delle ossa.