diredonna network
logo
Stai leggendo: Dottoressa uccisa per strada a Bergamo: Carabiniere ruba la borsa per giocare alla slot machine.

Stuprata a 16 anni su ordine del "tribunale" del villaggio per punire il fratello

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Dottoressa uccisa per strada a Bergamo: Carabiniere ruba la borsa per giocare alla slot machine.

Una notizia che ha davvero dell'assurdo.Una mancanza di rispetto davanti alla tragedia, un uomo senza scrupoli, un uomo in uniforme.
(foto:Web)
(foto:Web)

Una notizia che ha dell’incredibile, del disumano.

Durante l’incidente in cui ha perso la vita la dottoressa Eleonora Cantamessa, la donna travolta mentre soccorreva l’indiano Baldev Kumar, qualcuno ha pensato di prelevare da una delle auto una borsa, utilizzando il bancomat per giocare alle slot machine.

Il colpevole è un carabiniere in servizio alla tenenza di Seriate (Bergamo), che domenica 8 settembre era intervenuto dopo l’investimento e a scoprirlo sono stati proprio i suoi colleghi, i carabinieri di Bergamo e Grumello.

I suoi colleghi lo hanno riconosciuto dalle immagini delle due sale slot.

È stato denunciato per furto e indebito utilizzo di carte di credito.

Un uomo senza scrupoli davanti ad una tragedia, un uomo in uniforme.

Il militare – D.T.,35 anni – aveva visto sul sedile di una delle auto la borsa, di proprietà di una donna romena ferita, e l’aveva rubata. Nei giorni scorsi Joana Maria Busucic, dal letto d’ospedale aveva scoperto che qualcuno stava utilizzando il suo bancomat: era così partita la segnalazione ai carabinieri di Bergamo e Grumello, che hanno avviato i relativi accertamenti. Il bancomat era stato utilizzato nei due giorni successivi alla tragedia: il carabiniere aveva trovato il codice pin per usare il bancomat nel portafogli della ragazza.