diredonna network
logo
Stai leggendo: È arrivato l’anello anti stupro che spruzza veleno sull’aggressore

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

È arrivato l'anello anti stupro che spruzza veleno sull'aggressore

Una nuova invenzione è arrivata sul mercato per combattere l'atroce fenomeno delle violenze e dei femminicidi.
(foto:Web)

Il Paese più colpito al mondo da aggressioni feroci e a sfondo sessuale è sicuramente l’India.

Contro queste continue violenze la tecnologia propone molte alternative, alcune finanziate dalle università, altre che faticano ad arrivare sul mercato perchè considerate poco sicure anche per la donna.
Tra le varie invenzioni però, sicuramente quella più raffinata appena arrivata è l’anello antistupro. Quest’invenzione va attribuita alla presidente della campagna “Save my Sister!”, Imran Khan di Davangere, nello Stato di Karnataka.

(foto:Web)

Un piccolo anello che al suo interno ha un ago dotato di serbatoio e pompa che e inocula capsaicina, un composto chimico irritante.
Il gioiello è molto simile ad un anello normale e possiede un sistema di controllo radio per evitarne l’uso improprio.

Imran Khan al Decca Chronicle ha spiegato: “Le vittime non devono fare altro che disinnescare il sistema e iniettare il veleno all’aggressore. Una volta iniettata la sostanza, l’aggressore proverà un dolore intenso con una sensazione di bruciore. Ma non morirà”