diredonna network
logo
Stai leggendo: È arrivato l’anello anti stupro che spruzza veleno sull’aggressore

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

È arrivato l'anello anti stupro che spruzza veleno sull'aggressore

Una nuova invenzione è arrivata sul mercato per combattere l'atroce fenomeno delle violenze e dei femminicidi.
(foto:Web)

Il Paese più colpito al mondo da aggressioni feroci e a sfondo sessuale è sicuramente l’India.

Contro queste continue violenze la tecnologia propone molte alternative, alcune finanziate dalle università, altre che faticano ad arrivare sul mercato perchè considerate poco sicure anche per la donna.
Tra le varie invenzioni però, sicuramente quella più raffinata appena arrivata è l’anello antistupro. Quest’invenzione va attribuita alla presidente della campagna “Save my Sister!”, Imran Khan di Davangere, nello Stato di Karnataka.

(foto:Web)

Un piccolo anello che al suo interno ha un ago dotato di serbatoio e pompa che e inocula capsaicina, un composto chimico irritante.
Il gioiello è molto simile ad un anello normale e possiede un sistema di controllo radio per evitarne l’uso improprio.

Imran Khan al Decca Chronicle ha spiegato: “Le vittime non devono fare altro che disinnescare il sistema e iniettare il veleno all’aggressore. Una volta iniettata la sostanza, l’aggressore proverà un dolore intenso con una sensazione di bruciore. Ma non morirà”