diredonna network
logo
Stai leggendo: Violentata in discoteca davanti a tutti: nessuno ha cercato di aiutarla.

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

11 consigli da donne (e uomini) sopravvissute alla violenza domestica

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

Quel "signora, ha goduto?" quando 5 uomini stuprarono Franca Rame

Violentata in discoteca davanti a tutti: nessuno ha cercato di aiutarla.

Uno stupro di gruppo in un locale pubblico. Davanti a centinaia di persone, nessuno ha cercato di aiutarla.
(foto:Web)
(foto:Web)

Lauren Walsh, 17 anni, è stata violentata sul palco di una discoteca davanti a centinaia di persone in un club a Maiorca. La giovane era in vacanza con le amiche e durante la serata è stata spogliata nuda, violentata e aggredita in discoteca.
La musica era alta e forse le sue urla sono rimaste inascoltate per quello.

Lauren ha giurato di non essere assolutamente ubriaca, solo un paio di cocktail. Nessuno però ha cercato di aiutarla e sicuramente la violenza non è stata consumata in un luogo appartato.
Decisa a rinunciare all’anonimato, ha raccontato la sua storia affinchè possa essere d’aiuto ad altre giovani in vacanza.

“Hanno cominciato a scalpitare tirandomi via i vestiti. Li ho sentiti parlare e ridere, incitarsi a vicenda. Urlavo e cercavo di fuggire ma hanno continuato ad afferrarmi”.

Al club il livello di dissolutezza era totale, e la violenza fisica è continuata finchè il fotografo della serata si è accorto che la ragazza non era assolutamente consenziente alla situazione.