diredonna network
logo
Stai leggendo: Violentata in discoteca davanti a tutti: nessuno ha cercato di aiutarla.

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

"Quella la faccio bere e la violento", il racconto shock degli amici degli stupratori

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Animoji: con iPhone X le emoji si animano con il tuo volto

Oroscopo dal 14 al 20 settembre - Come sopravvivere alle stelle

Violentata in discoteca davanti a tutti: nessuno ha cercato di aiutarla.

Uno stupro di gruppo in un locale pubblico. Davanti a centinaia di persone, nessuno ha cercato di aiutarla.
(foto:Web)
(foto:Web)

Lauren Walsh, 17 anni, è stata violentata sul palco di una discoteca davanti a centinaia di persone in un club a Maiorca. La giovane era in vacanza con le amiche e durante la serata è stata spogliata nuda, violentata e aggredita in discoteca.
La musica era alta e forse le sue urla sono rimaste inascoltate per quello.

Lauren ha giurato di non essere assolutamente ubriaca, solo un paio di cocktail. Nessuno però ha cercato di aiutarla e sicuramente la violenza non è stata consumata in un luogo appartato.
Decisa a rinunciare all’anonimato, ha raccontato la sua storia affinchè possa essere d’aiuto ad altre giovani in vacanza.

“Hanno cominciato a scalpitare tirandomi via i vestiti. Li ho sentiti parlare e ridere, incitarsi a vicenda. Urlavo e cercavo di fuggire ma hanno continuato ad afferrarmi”.

Al club il livello di dissolutezza era totale, e la violenza fisica è continuata finchè il fotografo della serata si è accorto che la ragazza non era assolutamente consenziente alla situazione.