diredonna network
logo
Stai leggendo: Balaji, 12 anni e venerato come un Dio per avere una coda nella schiena

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

Balaji, 12 anni e venerato come un Dio per avere una coda nella schiena

Balaji è un bambino di 12 anni venerato come un Dio per avere una cosa nella schiena. In realtà per colpa di questa malformazione sta rischiando di perdere l'utilizzo delle gambe!
(Foto:Web)
(Foto:Web)

Balaji è un bambino di 12 anni che viene venerato come un Dio in India. Il bambino ha una coda che cresce nella sua schiena, molto visibile sotto la cute.
I suoi seguaci affollano il tempio di  Arshid Ali Khan e lasciano spesso soldi e regali in cambio di una benedizione. Secondo la loro religione infatti il giovane è la reincarnazione del Dio scimmia Indù Hanuman.

La coda però altro non è che una malformazione del midollo spinale causata da un’imperfezione dello sviluppo del sistema nervoso centrale.
La colonna vertebrale non si è chiusa in modo corretto e ha procurato una tumefazione sotto la cute. La finta coda potrebbe essere eliminata dai medici ma lo stesso Balaji si oppone all’operazione non volendo perdere la venerazione da parte del popolo.

Il suo difetto  lo sta portando ad avere delle complicazioni anche agli arti inferiori. La situazione non può che peggiorare: le gambe infatti tenderebbero ad estendersi in modo sbagliato e restare completamente storte. Ma il bambino-dio non vuole sentire ragioni:

“È un dono di Dio.  È anormale, è vero, ma la gente mi rispetta e si inchina davanti a me proprio perché la ho. Mi sento speciale”.

 

(foto:Web)
(foto:Web)