diredonna network
logo
Stai leggendo: Voleva sequestrare e decapitare Joss Stone. Stalker pericoloso per la cantante

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Voleva sequestrare e decapitare Joss Stone. Stalker pericoloso per la cantante

Lo stalker di Joss Stone è stato arrestato e ha rivelato un terribile piano per uccidere la cantautrice britannica.
(foto:Web)

Un piano davvero pericoloso quello di un fan ossessionato da Joss Stone: il rapimento e l’omicidio della sua cantante preferita. Per questo motivo è stato condannato a 18 anni di carcere.

Nel giugno del 2011, l’uomo si era introdotto a casa della cantautrice britannica armato di una spada da samurai, insieme al suo compagno di stanza. Fortunatamente i vicini della Stone avevano percepito uno strano comportamento e hanno deciso di allertare immediatamente la polizia. Gli agenti hanno poi trovato altre armi e diverse annotazioni con dei piani per rapire e successivamente uccidere la cantante.

Il compagno, un uomo di 35anni, era già stato condannato a 10 anni di carcere per altri reati. Durante il processo non è emerso il movente che ha spinto entrambi a progettare una cosa così terribile.

Gli uomini avevano sostenuto di voler uccidere e decapitare la Stone per le sue relazioni con la famiglia reale britannica. Joss Stone però ha sottolineato di essersi esibita solo un paio di volte nella sua carriera per la famiglia reale, per esempio durante un concerto in memoria della principessa Diana.