diredonna network
logo
Stai leggendo: Voleva sequestrare e decapitare Joss Stone. Stalker pericoloso per la cantante

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Voleva sequestrare e decapitare Joss Stone. Stalker pericoloso per la cantante

Lo stalker di Joss Stone è stato arrestato e ha rivelato un terribile piano per uccidere la cantautrice britannica.
(foto:Web)
(foto:Web)

Un piano davvero pericoloso quello di un fan ossessionato da Joss Stone: il rapimento e l’omicidio della sua cantante preferita. Per questo motivo è stato condannato a 18 anni di carcere.

Nel giugno del 2011, l’uomo si era introdotto a casa della cantautrice britannica armato di una spada da samurai, insieme al suo compagno di stanza. Fortunatamente i vicini della Stone avevano percepito uno strano comportamento e hanno deciso di allertare immediatamente la polizia. Gli agenti hanno poi trovato altre armi e diverse annotazioni con dei piani per rapire e successivamente uccidere la cantante.

Il compagno, un uomo di 35anni, era già stato condannato a 10 anni di carcere per altri reati. Durante il processo non è emerso il movente che ha spinto entrambi a progettare una cosa così terribile.

Gli uomini avevano sostenuto di voler uccidere e decapitare la Stone per le sue relazioni con la famiglia reale britannica. Joss Stone però ha sottolineato di essersi esibita solo un paio di volte nella sua carriera per la famiglia reale, per esempio durante un concerto in memoria della principessa Diana.